Cittadini, associazioni ed istituzioni al presidio davanti alla Cgil

La manifestazione di solidarietà davanti alla sede della Cgil di Pistoia

Alcune centinaia di persone hanno portato la loro solidarietà al sindacato la cui sede principale a Roma è stata attaccata da elementi no vax e Forza Nuova

PISTOIA. Almeno trecento persone e alcuni rappresentanti di associazioni ed istituzioni con i gonfaloni della Provincia con in testa il presidente Luca Marmo e del Comune con la vicesindaca Anna Maria Celesti oltre alla consigliere regionale Federica Fratoni,  il sindaco di Montale Ferdinando Betti, hanno partecipato al presidio organizzato dalla Cgil di Pistoia in risposta a quanto accaduto sabato 9 ottobre a Roma e Milano.

Il segretario generale della Cgil Pistoia, Daniele Gioffredi

"Non mi aspettavo una partecipazione così ampia e ne sono estremamente contento - dice Daniele Gioffredi, segretario della Cgil Pistoia - C'è voglia di democrazia, di libertà e di cambiamento. La libertà non è quella di poter andare a sfasciare le sedi dei sindacati. Ringrazio tutti, non mi sarei immaginato un'adesione così ampia alla nostra iniziativa. Sento la voglia anche inespressa di tanti cittadini di voler dire la sua e di voler cambiare le cose. Le manifestazioni di protesta sono sempre avvenute ma mai in questi termini. Siamo ritornati indietro al 1921, all'inizio del ventennio fascista. Mi auguro che ci sia la giusta reazione per emarginare quelle frange estreme e che quei gruppi vengano sciolti".

Alcuni dei rappresentanti delle istitutzioni presenti al presidio della Cgil

La consigliera regionale del Pd, Federica Fratoni intrviene anche sui no green pass, "L'episodio di sabato ha avuto un impatto molto brutto. Non mi aspettavo così tanta gente a questa manifestazione, ma è un segnale importante. Non pensavo che nel comitato no vax si annidassero gruppi di ultra destra - dice - Mi auguro che vengano prese le giuste misure per sciogliere le cellule di Forza Nuova. La pagina di ieri ci ha risvegliato e ci ha fatto capire che  c'è bisogno di lottare ogni giorno per la libertà. Mi auguro che si sia trattato di una frangia che si è infiltrata fra quei manifestanti che  potrebbero avere anche una giustificazione ma devono anche sapere che se ieri hanno potuto manifestare è anche perché una stragrande maggioranza di italiani si è già vaccinata".

Fra i presenti anche i vessilli delle associazioni Libera, Anpi, Arci e altre associazioni sindacali...