Via libera al taglio dei platani a Pistoia, ma i nidi verranno salvaguardati

Trovato l'accordo tra amministrazione e associazioni ambientaliste, che proponevano di rinviare a settembre l'intervento sulle piante ammalate

PISTOIA. Accordo trovato per salvare i nidi degli uccelli sui venti platani del viale Matteotti destinati ad essere abbattuti. All'apertura del cantiere, nella mattinata di lunedì 19 aprile, rappresentanti della Lega italiana protezione uccelli (Lipu), dell'Associazione protezione animali e di Legambiente, si sono incontrati con la vicesindaca Anna Maria Celesti (titolare della delega al benessere animale), con l'assessore ai lavori pubblici Alessio Bartolomei e con alcuni tecnici del Comune. L'Enpa in particolare aveva già sollevato la questione dell'eventuale presenza sugli alberi destinati ad  essere abbattuti, di nidi dove sono in corso la cova o lo svezzamento di pulcini. Una presenza, tra l'altro, espressamente tutelata dalla legge. Di qui la proposta di rinviare a settembre il taglio dei platani, comunque necessario per le precarie condizioni di salute delle piante e il rischio che, cadendo, possano provocare danni, visto anche l'intenso traffico del viale Matteotti.

Alla fine è stata individuata una possibile mediazione: il taglio degli alberi, considerato necessario per problemi di sicurezza, sarà seguito nei tempi previsti (quindi nei 15 giorni preventivati, fino all'inizio di maggio) ma ciascun platano verrà prima attentamente controllato. E se saranno individuati dei nidi, i lavori si fermeranno, in attesa dell'intervento di enti specializzati con i quali si deciderà il da farsi.

i