I clienti raccolgono fondi e salvano il locale della movida

Pistoia, l’iniziativa di crowdfunding lanciata da un amico dei titolari del bar. In pochi giorni raccolti mille euro. «Bella sorpresa, serviranno per le spese fisse»

PISTOIA. Nel giro di qualche giorno la cifra raccolta ha superato di un soffio i mille euro, andando anche oltre le più rosee previsioni di chi aveva lanciato il crowdfunding (letteralmente finanziamento collettivo, nda) sulla piattaforma digitale GoFundMe. A donare, per far sentire la loro vicinanza ai titolari del locale Nicholas Donati e la compagna Sarah Puccioni, sono stati gli stessi affezionati clienti del rock club Bonnie & Clyde di via della Madonna, grazie a un tam tam di condivisioni sui social e via whatsapp. Il Bonnie & Clyde, infatti, è un locale serale che, da oltre un anno, come molte altre attività convive con la crisi generata dal Covid. E come molti ha dovuto fare i conti con le aperture a singhiozzo e le forti restrizioni imposte per il contenimento del contagio.

L'iniziativa della raccolta fondi, lanciata poco prima di Pasqua, è nata da un'idea di Filippo Colosi, cliente e amico della coppia, che voleva dare un sostegno economico al locale, ma soprattutto dimostrare un gesto di solidarietà e vicinanza a Nicholas e Sarah. «Con i nostri clienti siamo molti confidenziali – racconta Donati, il titolare del Bonnie & Clyde – Siamo aperti dal 2018 e la nostra cerchia di clienti più affezionati di fatto è rappresentata da quelli che poi erano già o sono diventati nostri amici. In questo periodo è capitato quindi a volte di sentirci e aver raccontato loro le difficoltà che stiamo attraversando, e che come noi vivono molte altre attività commerciali e locali. Ma la notizia del crowdfunding è stata davvero una sorpresa inaspettata. Anche perché, nonostante praticamente non si stia lavorando, le spese fisse come affitto, bollette e tassa sui rifiuti ci sono. E questa raccolta fondi ci permette di far fronte ad alcuni di questi costi. Quindi è davvero una bella cosa».

Il locale Bonnie and Clyde non ha la cucina e svolge solo il servizio bar. Quindi, normalmente, apriva alle 17 fino a tarda serata, offrendo serate di musica accompagnate da bevute. Dal marzo scorso, però, non ha praticamente potuto aprire se non in zona gialla e arancione.

Così, dopo aver visto le difficoltà del locale, i clienti si sono attivati per dare il loro sostegno. «A un certo punto - dice Colosi, autore della raccolta fondi - ho pensato che fosse arrivato il momento di dimostrare di essere degli amici capaci di sostenere il nostro locale del cuore. Lo stesso in cui speriamo di poter tornare a brindare in allegria. Le difficoltà economiche legate alla pandemia non finiscono certo qui, ma questo è stato un modo di dimostrare che l’unione fa la forza. Per quel poco o tanto che ciascuno ha donato, è stato comunque importante e bello il gesto».

La raccolta è ancora attiva a questo link: https://gofund.me/0108a784. — RIPRODUZIONE RISERVATA