Un mese e mezzo senza treni tra Pistoia e Montecatini: disagi tra Firenze e il mare

Dal 14 luglio riattivate le navette. La nuova sospensione per consentire l’avanzamento dei lavori per il raddoppio della linea ferroviaria. Le modifiche nella circolazione

PISTOIA. Dal 14 luglio al primo settembre torna la sospensione dei treni tra le stazioni ferroviarie di Pistoia e di Montecatini per consentire l’avanzamento dei lavori di raddoppio dei binari, che sono in corso da tre anni e hanno accumulato qualche mese di ritardo sulla tabella di marcia. Questa sospensione estiva era stata peraltro ampiamente annunciata e del resto risulta identica a quelle già attuale nel 2017 e 2018, proprio allo scopo di agevolare i lavori in corso da parte di Trenitalia.

Come già successo negli anni scorsi, anche questa volta i treni scomparsi saranno sostituiti con dei bus navetta, che faranno servizio tra Montecatini e Pistoia, appunto dal 14 luglio al 1º settembre. I tempi di percorrenza sono molto più alti per i bus che per i treni, ma almeno il disagio del black out ferroviario totale viene attenuato.

Resta comunque il disagio per i "pendolari" del mare che utilizzano il treno: se usano la linea Firenze - Viareggio, infatti, dovranno scendere a Pistoia e risalire a Montecatini (con la navetta in mezzo) e viceversa. In alternativa dovranno prendere un treno per Pisa e poi una coincidenza per Viareggio. Insomma, per chi vive nell'entroterra la Versilia si allontana e anche le strutture ricettive versiliesi dovranno tenerne conto. In ogni caso fino al 30 giugno resta chiusa la tratta ferroviaria tra Viareggio e Lucca per i lavori a una galleria che vanno avanti da inizio anno. Anche in questo caso il collegamento viene garantito attraverso le navette.

I bus faranno capo, ovviamente, alle rispettive stazioni ferroviarie, attorno alle quali il traffico verrà modificato per far posto all’andirivieni dei mezzi. Le relative ordinanze sono già state pubblicate in questi giorni dai Comuni di Montecatini e di Pistoia.

In particolare, a Montecatini i bus partiranno da piazza Italia, mentre rimarranno in sosta nel parcheggio sul lato est del Palaterme, il cosiddetto “parcheggio Bandini”.

A Pistoia, invece, gli arrivi e le partenze saranno in piazza Dante Alighieri, proprio davanti alla stazione ferroviaria. I bus navetta saranno parcheggiati in via Vittorio Veneto, nella stessa piazza Dante (in corrispondenza della rotatoria lato via Pertini) e in via Guicciardini (area di sosta dell’ex peso pubblico, lato cimitero della Vergine). I parcheggi per residenti di via Veneto saranno recuperati in via XX Settembre.

A ridosso della metà di luglio, ovviamente, nelle zone interessate attorno alle stazioni ferroviarie, sia a Pistoia che a Montecatini, compariranno i segnali stradali per informare gli automobilisti delle novità in arrivo.

Tra Pistoia e Montecatini la distanza è di circa 12 chilometri, ma per farli in bus servono mediamente tempi di percorrenza doppi rispetto al treno. Alcuni esempi, orari alla mano: per muoversi tra

Pistoia e Montecatini in treno occorrono solitamente 15/16 minuti, in alcuni casi questo tempo scende fino a 10 minuti. Il tempo massimo impiegato, e che riguarda pochissime corse, è di 23 minuti, per un gioco di scambi, per i treni che vanno verso

E in pullman? Dipende dalla fascia oraria, nel migliore dei casi (direttrice Pistoia-Montecatini) si eguaglia il peggior tempo in treno (22/23 minuti), ma per muoversi nella direzione opposta non si scende mai sotto la mezzora, ma nelle ore di punta si arrivano a sfiorare i 40 minuti. —

La guida allo shopping del Gruppo Gedi