Maxi-ammanco, il pm chiede quattro condanne

«Omettendo i controlli dirigenti e revisori hanno consentito che Giuliano Sichi si potesse appropriare dei soldi pubblici»