Il boato, poi le fiamme: distrutto un capannone vicino alle case a Montale - Video

A dare l'allarme nella notte un residente. Pronto intervento dei vigili del fuoco, che hanno evitato che l'incendio diventasse davvero una minaccia per le abitazioni. Il fumo visibile in tutta la piana tra Prato e Pistoia

Montale, brucia un capannone vicino alle case: maxi intervento dei vigili del fuoco

PISTOIA. Paura nel cuore della notte a Montale per un incendio che ha devastato un capannone di stoccaggio di materiale tessile della Mabi srl. Capannone che si trova tra le case, in località Fognano.

Erano circa le 2 quando uno dei residenti si è accorto delle fiamme. Fiamme alte e minacciose. Subito ha lanciato l'allarme ai vigili del fuoco: sul posto sono arrivati i pompieri del comando di Pistoia, con il supporto del personale dei comandi di Firenze e Prato. Considerata appunta la minaccia per le abitazioni, i carabinieri di Montale hanno svegliato in via precauzionale gli abitanti, ma non è stata necessaria nessuna evacuazione. Nonostante la forza del rogo, infatti, il pronto intervento dei vigili del fuoco ha permesso di far rientrare subito un possibile rischio per le case, tenendo il fuoco sotto controllo. All'alba sul posto anche il personale di Arpat per i controlli del caso: s'indaga sulle cause che hanno scatenato l'incendio. In corso la bonifica della fabbrica. Il fumo visibile in tutta la piana tra Prato e Pistoia.

Maxi incendio a Montale: cosa resta del capannone in fiamme

In tanti hanno sentito un boato, anche da Agliana, quando ha preso fuoco il capannone dove erano stoccate centinaia di balle di lana. Un’esplosione che ora i vigili del fuoco stanno cercando di capire da che cosa possa essere stata causata. “Ho parlato con alcuni ragazzi che sono passati di qui verso le 2,15 - racconta Marco Bigagli, il titolare della Mabi - Hanno detto di aver sentito questo boato e nel giro di un quarto d’ora era bruciato tutto”. Bigagli è seduto sul muretto dell’argine del torrente Agna delle Conche ed è affranto. “Io ho la ditta a Prato e a dicembre avevo spostato qui tutti colli, pronti per essere spediti, ho perso tutto”.

Incendio a Montale, il racconto di una testimone

Il capannone di 1.500 metri quadri è di proprietà della Bellucci srl della compagna e del suocero di Bigagli, che lo ha concesso in comodato d’uso al genero. Sono assicurati per l’immobile e per la merce. È successo tutto molto in fretta. Alle 2 la donna che tiene decine di gatti e tre cani nel capannone adiacente è passata a rimettere dentro gli animali ed era tutto a posto. Mezz’ora dopo il magazzino della Mabi era già crollato. Lo stesso titolare ha il dubbio che possa essere stato un incendio doloso. “E’ bruciato tutto troppo in fretta, da una parte e dall’altra”. Non dovrebbero esserci problemi per la salute pubblica perché sono bruciate solo balle di lana, nessun tessuto acrilico.

Il fumo visibile da tutta la piana