Don Biancalani passa all’attacco e querela Salvini

Diffamazione aggravata, calunnia e omissione di atti d’ufficio i reati ipotizzati per i post pubblicati dal ministro a fine agosto con le allusioni di vario genere sul parroco