Allarme organico: via altri 13 poliziotti

Pistoia, il sindacato Sap punta il dito contro il mancato turnover negli uffici della provincia

PISTOIA. Sempre meno i poliziotti in servizio in provincia di Pistoia. A lanciare l’allarme organico è il Sap, il Sindacato autonomo di Polizia, che denuncia la grave carenza di personale che da anni caratterizza gli uffici della Polizia di Stato presenti nella nostra provincia: questura, Polizia stradale, posto fisso Polfer e Postale di Pistoia, Commissariati di Montecatini e di Pescia, sottosezione Polizia stradale di Montecatini e distaccamento Polstrada di San Marcello.

«Una criticità che trova origine nel mancato ed inadeguato turnover degli operatori di polizia – spiega Andrea Carobbi Corso, segretario provinciale del Sap – Con frequenti denunce abbiamo chiesto provvedimenti che rispondano alle necessità di fornire mezzi ed equipaggiamenti di nuova concezione e che pongano fine al costante depauperamento delle risorse umane».


Dal prossimo mese i poliziotti pistoiesi saranno 13 in meno.

«Il depotenziamento degli uffici di Polizia nel territorio pistoiese – lamenta Carobbi Corso – , già dal prossimo mese, si aggraverà ulteriormente. Infatti 7 agenti saranno avviati ad un corso di formazione al termine del quale, non faranno rientro a Pistoia perché trasferiti in altre province. Ma non è finita qui: infatti altri 6 poliziotti andranno in pensione per sopraggiunti limiti di età. Una situazione davvero insostenibile se non ci saranno nuovi e congrui arrivi in provincia, considerati gli organici, già ridotti, di tutti gli uffici, nonchè le continue aggregazioni e missioni in altre province della penisola; è assolutamente necessario un intervento urgente per la tutela dei cittadini del territorio ma anche per gli operatori di Polizia della provincia di Pistoia».