Di Maio a Pistoia per sostenere la lista con Maglione sindaco

Luigi Di Maio in piazza Papa Giovanni XXIII (Foto Gori)

Il leader dei pentastellati accolto in piazza Papa Giovanni XXIII da oltre trecento simpatizzanti ha lanciato la doppia sfida: un sindaco  a Pistoia del M5S e fra dieci mesi un Governo nazionale del M5S

PISTOIA. Luigi Di Maio a Pistoia, dopo Alessandro Di Battista a Quarrata. Il Movimento 5 Stelle cala i suoi assi nella campagna elettorale nei comuni Pistoiesi sopra i quindicimila abitanti che vanno alle elezioni amministrative fra trentasei giorni. “Noi ci siamo e se i cittadini lo vorranno siamo pronti a governare Pistoia, così come stiamo facendo e vogliamo fare in molti altri comuni d’Italia. Con la consapevolezza che se i nostri sindaci che hanno governato finora lo hanno fatto contro tutto e tutti, i prossimi, fra dieci mesi, avranno dalla loro parte anche un Governo nazionale del M5S”. Alza subito l’asticella Luigi Di Maio e guarda alle future politiche. L’alza parlando ad una piazza piena per tre quinti con poco più di trecento persone ma con la consapevolezza di un movimento in crescita su tutto il territorio, nel segreto dell’urna.

Luigi di Maio col candidato sindaco del M5S di Pistoia, Nicola Maglione (Foto Gori)

Nell’appuntamento in piazza Papa Giovanni XXIII il ritardo del leader dei pentastellati (atteso per le 11,30 e arrivato un’ora dopo), dovuto – dicono gli organizzatori – al rinvenimento di un ordigno bellico lungo la linea ferroviaria Bologna-Firenze, viene colmato dal consigliere regionale Giacomo Giannarelli, consigliere regionale che, dopo aver informato i simpatizzanti che la lista del M5S di Pistoia che candida sindaco Nicola Maglione, ha ottenuto la certificazione dello stesso Movimento che ha controllato candidato per candidato affinché tutti fossero idonei secondo i canoni dei cinque stelle, cala il primo affondo sull’amministrazione uscente.

Un momento del comizio di Luigi di Maio in piazza Papa Giovanni XXIII (Foto Gori)

“Ci accusano di esser inesperti ma loro sono esperti solo nell’avere i condannati e nell’avere degli indagati come la giunta a Pistoia”. Poi i temi che caratterizzano il programma del M5S di Pistoia. “Punteremo su sviluppo e sicurezza senza dimenticare il problema dei rifiuti con la raccolta differenziata per chiudere l’inceneritore”. Ma la prima uscita pubblica del candidato a sindaco per Pistoia, Nicola Maglione, vede sugli scalini dell’ex Ceppo, improvvisato a palco, anche l’europarlamentare Fabio Massimo Castaldo ed il parlamentare Alfonso Bonafede. Tutti a parlare di voglia di cambiamento e di necessità di non votare più chi “pur avendo portato questo Paese alla deriva, continua a proporsi dicendo di voler cambiare le cose”.