Trenitalia vicina all’acquisto dei V250

Un convoglio V250 all’interno dello stabilimento di via Ciliegiole (Gori)

I 19 convogli realizzati a Pistoia che olandesi e belgi rifiutarono sono rimasti proprietà di Finmeccanica

PISTOIA. Potrebbe finalmente aver trovato un nuovo proprietario la piccola flotta di 19 treni V250 realizzati da AnsaldoBreda a Pistoia per le ferrovie olandesi e belghe e respinti dai clienti nel 2013. Sarebbero già ad un punto abbastanza avanzato le trattative con Trenitalia, interessata ad acquisire i 19 convogli (solo 9 dei quali sono entrati in servizio, anche se per poche settimane, mentre gli altri non sono mai stati usati).

La voce di un possibile acquisto da parte di Trenitalia circolavano già da mesi. Alla fine di novembre, poi, in un documento dei sindacati del personale viaggiante Trenitalia è stato confermato che l’acquisizione fa parte dei programmi di investimento dell’azienda controllata da Fs. Ieri, infine, è stato il sito specializzato “Ferrovie.it” a rilanciare il tema, ipotizzando (ma non dando per certo) l’acquisto da parte di Trenitalia.

I treni V250 sono stati a lungo “parcheggiati” davanti allo stabilimento AnsaldoBreda ed erano facilmente riconoscibili, con la loro livrea bianca-rosa-rossa. Molti, attualmente, sono collocati all’interporto di Prato.

Le trattative di Trenitalia sono portate avanti con Finmeccanica, o meglio, con quella società che ancora porta il nome AnsaldoBreda e che, a Pistoia, ha sede accanto al cinema Lux, in corso Gramsci. Questi convogli, infatti, insieme ad altre partite in passivo, non sono rientrate nel passaggio di proprietà da Finmeccanica a Hitachi ma sono confluite in una sorta di “old company” creata appositamente e destinata ad una vita residua di 3-4 anni.

Acquisendo i V250, Trenitalia inserirebbe nella sua flotta dei treni che possono marciare fino ai 250 kmh, offrendo un comfort notevole (erano stati pensati per il collegamento tra Bruxelles e Amsterdam). E quanto al prezzo, sarà difficile che Finmeccanica/AnsaldoBreda possa avere pretese molto alte...(f.cl.)