Conferma: è amianto il materiale scoperto nel cantiere

Il laboratorio conferma i sospetti dei lavoratori. Prosegue lo stop alla realizzazione della nuova sala prove

PISTOIA. Quel materiale “molto somigliante” è davvero cemento-amianto. La conferma da parte del laboratorio esterno a cui AnsaldoBreda ha commissionato le analisi toglie i pochi dubbi rimasti.

Come noto, una decina di giorni fa, durante le operazioni di scavo del cantiere per la realizzazione della nuova sala prove, nel terreno accanto alla carpenteria, sono stati ritrovati alcuni frammenti di materiale apparso sin da subito eternit. In questi giorni si sono susseguiti gli incontri tra azienda, Rls, Rsu e Asl3. Appurato che la situazione sul luogo del ritrovamento non è tale “da escludere in assoluto un rischio di esposizione”, è stato concordato che dovessero essere predisposti piani e procedure di sicurezza da sottoporre ai rappresentanti dei lavoratori.

E naturalmente di interrompere immediatamente gli scavi nel cantiere e non riprenderli fino a quando i lavoratori non saranno certi di non correre pericoli. «I lavori di bonifica di fine anni ’80 - commentano le Rsu - furono condotti in maniera non solo inappropriata ma contraria alle norme di sicurezza richieste all’epoca».