Nerazzurri verso la sfida con il Frosinone, l’incognita sono gli strascichi del Covid

PISA. Venti giorni fa sarebbe stata la sfida tra le squadre più in forma del campionato. Il Pisa di Luca D’Angelo, capolista e campione d’inverno, e il Frosinone di Fabio Grosso, che in trasferta ha perso solo a Monza. Quella di domani all’Arena è una sfida che presenta grandi incognite. Entrambe le squadre hanno combattuto con problemi legati al Covid, il Pisa già prima della sfida in programma per il 26 dicembre, e il Frosinone proprio durante le feste ha fatto registrare un bilancio di 14 positivi nel gruppo squadra, oggi tutti negativizzati.

Su entrambi i fronti peseranno le condizioni dei giocatori negativizzati che in questi ultimi giorni hanno svolto un lavoro diverso rispetto ai compagni. Non ci sarà la sfida tra i due cannonieri principi: su sponda giallazzurra assente sicuro Gabriel Charpentier, 8 reti in 15 partite, dopo lo stiramento al quadricipite della coscia destra nella gara persa a Monza lo scorso 11 dicembre, mentre sulla sponda nerazzurra è in forte dubbio la presenza di Lorenzo Lucca, 17 partite e 6 gol, che si allena a parte da tempo per i problemi al ginocchio sinistro e anche lui non gioca dallo scorso 11 dicembre quando subentrò a gara in corso nell’ultima gara giocata e vinta all’Arena contro il Lecce.


In dubbio nel Frosinone ci sono il centrocampista Rohden e il capitano Brighenti, rientrato in gruppo da poco e possibile partente (potrebbe interessare al Pisa come alternativa in difesa). Ci sarà comunque la sfida a distanza tra due dei difensori più forti del campionato come Maxime Leverbe, 24 anni, fondamentale in marcatura e nella costruzione dal basso del gioco di D’Angelo, e Federico Gatti, 23 anni, che il Frosinone vuole trattenere nonostante le tante richieste sul mercato. Anche Leverbe ha tanti estimatori, Sassuolo in primis, ma se ne riparlerà in estate. Intanto il gioiello francese è blindato da un contratto fino al 2024.

Il Frosinone ha acquistato due difensori, che sono Barisic dalla società NK Osijek e Kalaj dalla Carrarese.

A.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA