Lucca fa il bomber anche in maglia azzurra: «Mi sono sbloccato, una grande felicità»

L’attaccante del Pisa segna il suo primo gol con l’Under 21. Il ct Nicolato: è interessante, ma non va caricato di troppe responsabilità

PISA. Da quasi 14 anni il Pisa aspettava un altro gol di un suo giocatore nell’Under 21. Lorenzo Lucca si conferma l’uomo dei desideri che si avverano segnando il suo primo gol azzurro alla terza presenza. L’ultima rete nerazzurra con gli azzurrini lo aveva messo a segno Alessio Cerci il 16 novembre 2007 nel 5-0 all’Azerbaijan a Fermo. L’ultimo grande gioiellino da mettere in vetrina. Con la non certo piccola differenza che Cerci era un giocatore di proprietà della Roma e Lucca è tutto del Pisa con un contratto fino al 2026.

Un primo tempo non semplice per Lucca. Il minuto che fa la storia è il 41’: cross di Rovella dalla trequarti verso centro area, Lucca si libera degli avversari e in spaccata allunga il destro e segna prima di andare ad esultare con la consueta scivolata. Peccato che il gol non serva per la vittoria visto che al 92’ la Svezia ottiene l’1-1 quando Lucca era già stato sostituito da Piccoli a dieci minuti dal novantesimo. Sette gol, tra Pisa e Under 21, tutti di destro. Lucca ha fatto fatica inizialmente. Comunque, dopo venti minuti iniziali dove riceve pochi palloni, il centravanti nerazzurro si scuote quando conquista una punizione preziosa sulla trequarti. Esposito lo sprona e lui sale di tono. Inizia a provare il tiro e a partire da più lontano, conquista angoli e fa ammonire Tolinsson. Lucca guadagna punizioni e poi al 39’ spreca calciando alto con il destro a tu per tu con il portiere. Un errore non da lui. Ma il riscatto è immediato e il gol una vera e propria perla.


«Sicuramente mi sono sbloccato, sono felicissimo ma siamo rammaricati e delusi per il risultato», ha detto Lucca fine partita, aggiungendo: «Ho fatto solo uno spezzone di gara nelle ultime partite, normale che l’intesa con i compagni manchi un po’ e sto cercando di integrarmi al meglio con il gruppo». Le frasi del ct Paolo Nicolato sul baby bomber: «Lucca ha ora l’attenzione di tutti, forse un po’ troppo. Sta muovendo i primi passi, è interessante, è un giocatore che ha delle qualità particolari e che può fare una buona carriera, ma non dobbiamo caricarlo troppo di responsabilità».

Oggi il ritorno di Lucca a Pisa. Sabato a Crotone c’è far sognare una città intera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA