Contenuto riservato agli abbonati

Il colpo è andato a segno, Lucca ha firmato col Pisa. E spunta il nome di un altro big

Jacopo Petriccione, il primo da sinistra, in azione con la maglia del Crotone

Fatta anche per un nuovo difensore. Negli ultimi giorni il cambio di passo impresso dai direttori Giovanni Corrado e Claudio Chiellini è stato davvero clamoroso: gli altri affari in pista

PISA. Il colpo è andato a segno. E non è l’unico. Al momento, però è quello più importante e significativo del nuovo corso del Pisa: Lorenzo Lucca è nerazzurro.

È vero, manca il timbro (ovvero l’annuncio del club) ma è una formalità. Il ragazzo di Moncalieri (21 anni il prossimo 10 settembre) era sì convocato per il ritiro col Palermo ma già ieri era assente. «In permesso», la versione del club rosanero; a Pisa, la realtà dei fatti. Visite mediche e firma su un contratto quinquennale, per lui, che nel tardo pomeriggio è partito per raggiungere i suoi nuovi compagni in Val Seriana. È costato 2,1 milioni più bonus (legati ai risultati personali e a quelli della squadra) e oggi dovrebbe consumare il suo primo allenamento agli ordini di Luca D’Angelo.


Che accoglierà anche un altro rinforzo: si tratta del difensore Filippo Berra, classe 1995, che arriva dal Bari (nella seconda metà della scorsa stagione era a Pordenone) nell’operazione che porta ai biancorossi Francesco Belli, 27 anni. Uno scambio fra terzini destri, anche questo concluso nella giornata di ieri e probabilmente annunciato già oggi. Dovrebbe trattarsi di due titoli definitivi.

Ma il mercato del Pisa non si ferma qui. Anzi, negli ultimi giorni il cambio di passo impresso dai direttori Giovanni Corrado e Claudio Chiellini è stato davvero clamoroso. Tanto che ieri è spuntato un altro nome accostato ai nerazzurri. E che nome. Si tratta del centrocampista centrale Jacopo Petriccione, 26enne play del Crotone ma già protagonista anche con il Lecce. Giocatore in grado di ricoprire anche il ruolo di interno e che, in teoria, garantirebbe un notevole salto di qualità alla mediana nerazzurra. Resta, però, il problema di convincere i calabresi e superare la concorrenza del Benevento. Una pista complicata, insomma, proprio come quella per Yonatan Cohen, attaccante del Maccabi Tel Aviv. Il Pisa è disposto ad alzare la sua offerta fino a 1,5 milioni, ma lo scorso gennaio gli israeliano ne avevano chiesti il doppio, tre, a chi bussava alle sua porta (Torino e Crotone). Non sarà semplice, insomma, ma Corrado e Chiellini vogliono provarci e provarci ancora.

Intanto, sempre in tema di attaccanti, il baby Susso Bamba, classe 2000, ha firmato il rinnovo fino al 2024. Da capire, ora, se resterà nel gruppo di D’Angelo o sarà appoggiato a un club di Serie C per mettere minuti nelle gambe. Quello che, proprio ieri, è capitato al portiere Leonardo Loria, ceduto al Monopoli in prestito. Anche in questo caso ora la società valuterà se inserire un altro guardiano nel gruppo o affidarsi ai giovani come “spalle” di Nicolas.

Restando al capitolo uscite, comunque, le attenzioni principali sono sempre riservate a Michele Marconi. Secondo varie indiscrezioni, infatti, l’Ascoli sarebbe pronto a presentare la sua offerta al Pisa entro questa settimana. Ieri, poi, per il bomber è uscita anche la voce di un inserimento del Perugia, con tanto di contratto triennale già proposto al giocatore. In realtà è una voce che almeno per il momento non trova conferme, ma che comunque potrebbe anche essere destinata a prendere forza nel corso dei prossimi giorni. Sul ragazzo, d’altra parte, pende ancora la spada di Damocle dell’ultimo grado di giudizio relativo al caso Obi. Il collegio di garanzia del Coni non si è ancora pronunciato sulla richiesta del calciatore di cancellare o comunque diminuire la squalifica di dieci turni, di cui otto ancora da scontare, rimediata nel secondo grado di giudizio. Né, forse, lo farà a breve visto che lo stesso organo giudicante in questi giorni dovrà esprimersi sui vari ricorsi presentati dai club non ammessi ai campionati dopo le bocciature di Covisoc e Consiglio federale Figc.

Tra queste c’è proprio il Chievo. E dal ricorso dipende anche l’esito della trattativa con il difensore Maxime Leverbe, altro rinforzo di qualità che sarebbe già alle porte di Pisa. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA