Contenuto riservato agli abbonati

Pisa, un nuovo "drive" con i medici di base per rispondere alla richiesta di tamponi. Ecco dove sarà allestito

La Federazione italiana medici di medicina generale: «L’obiettivo è far fronte alla domanda crescente ma anche avviare in modo tempestivo le terapie per i positivi»

PISA. L’ondata Omicron. E l’ondata di tamponi rapidi. Arriva un altro “drive” per far fronte alla domanda sempre più numerosa. La novità è che a schierarsi in prima fila sono, su base volontaria, i medici di medicina generale. L’obiettivo «è andare incontro alle crescenti richieste, facilitare le diagnosi ed avviare in modo tempestivo le diverse terapie specifiche per le persone risultate positive al Covid». Dal prossimo lunedì, 17 gennaio, i medici di Fimmg, la Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, saranno a disposizione per l’esecuzione di tamponi rapidi in piena sicurezza. Un’iniziativa in collaborazione con il Comune, il cui ruolo è stato di facilitatore nella ricerca degli spazi adatti, e con la Pubblica Assistenza di Pisa, che ha messo a disposizione volontari e struttura nel piazzale della sede di via Bargagna.

Dal 17 gennaio i medici di base, una decina circa, a rotazione, saranno presenti la mattina e il pomeriggio (inizialmente dal lunedì al venerdì) nel piazzale della Pubblica Assistenza per eseguire i tamponi rapidi. I pazienti, dietro prescrizione medica, dovranno presentarsi in auto al Drive dove, una volta terminato il prelievo, potranno sostare in attesa dell’esito dell’esame. Il risultato sarà poi direttamente trasmesso al portale regionale e, in caso di negatività, sarà valido anche ai fini dello sblocco del Green pass. Il servizio è gratuito e dedicato a tutte quelle persone alle quali è stato indicato o prescritto un tampone per confermare un sospetto di positività al Covid o per uscire da isolamento e quarantena. «Non saranno dunque accolte le richieste di tampone rapido per il rilascio del Green pass base, ovvero quello richiesto alle persone non vaccinate».


«Grazie ai medici e alla Pubblica Assistenza per la disponibilità – dice il sindaco Michele Conti –. Crediamo molto nella possibilità di fare la nostra parte a fianco dei medici di medicina generale e per questo abbiamo lavorato per poter aprire la Casa della Salute in via Garibaldi (e poi sul litorale) come ulteriore presidio sanitario intermedio a cui rivolgersi evitando di ingolfare gli accessi all’ospedale di Cisanello».

«Questa iniziativa dà la possibilità di eseguire tamponi in un luogo altamente sicuro – sottolinea Luca Puccetti, segretario provinciale di Fimmg –: accogliere nei nostri ambulatori pazienti potenzialmente positivi è rischioso. Con questo servizio daremo ulteriore impulso all’utilizzo delle terapie che hanno dimostrato di funzionare evitando ricoveri e complicanze a tutti i pazienti che con esse sono stati trattati tempestivamente. Il Drive ci permetterà infatti di avere subito informazioni nel caso in cui la persona possa essere candidata ad una terapia precoce e quindi segnalata all’Infettivologia di Cisanello».

© RIPRODUZIONE RISERVATA