Contenuto riservato agli abbonati

Fa sesso con la figlia undicenne della convivente: lei scrive tutto alla baby sitter

Pisa, un 44enne a giudizio per atti sessuali con minorenne. Il rapporto scoperto dagli sms inviati dalla bimba 

PISA. Il rapporto veniva addirittura definito "consensuale" con tanto di dichiarazioni d’amore della bimba nei confronti del “fidanzato”. Non c’entrano i sentimenti in una storia innaturale tra un’undicenne e un 42enne, siamo nel 2019, all’epoca compagno della mamma della bimba.

L’uomo, ora 44enne, di origini tunisine, è finito a giudizio davanti al secondo collegio del Tribunale con l’accusa di atti sessuali con minorenne aggravati dall’età inferiore ai 14 anni della bimba e dal fatto che da convivente l’uomo aveva anche un obbligo di custodia della minore.


Prima ancora che venisse eseguita una misura cautelare nei suoi confronti, il nordafricano è sparito da Pisa. Tecnicamente è un latitante che viene processato in contumacia con la difesa dell’avvocato Chiara Benedetti.

Mercoledì 12 gennaio la prima udienza con i testi dell’accusa – pm Egidio Celano – che non si sono presentati e il dibattimento è stato aggiornato.

Da quello che è stato possibile ricostruire nel corso delle indagini, a far emergere una storia da codice penale era stata la baby sitter a cui la bimba aveva confidato con una serie di sms quello che provava e che era nato con il compagno della madre, un’italiana.

«Lo amo, sono innamorata» aveva ripetuto anche agli inquirenti la bambina iscritta alle medie che si era ritrovata in casa il nordafricano in occasione della convivenza con la mamma. Un incontro che poco alla volta ha preso una piega che un adulto avrebbe dovuto fermare. E, invece, secondo l’accusa, l’imputato aveva assecondato l’infatuazione della bimba nei suoi confronti arrivando a compiere atti sessuali con la minorenne. Fino agli sms che hanno svelato un rapporto proibito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA