Il Tirreno lancia il "giocattolo sospeso" per donare un sorriso ai bambini meno fortunati

L'iniziativa del nostro giornale in collaborazione con la 46ma Brigata Aerea e la Confcommercio della provincia di Pisa. Ecco come funziona e come partecipare

PISA. Da oggi è possibile donare un sorriso a molti bambini del territorio che non avrebbero altre possibilità di ricevere un regalo natalizio. Al via l’iniziativa del Tirreno “A Natale regala un giocattolo”, in collaborazione con la 46ma Brigata Aerea, Confcommercio provincia di Pisa e l’associazione Banco Alimentare.

Acquistando un giocattolo o un libro “sospesi” per ragazzi fino ai quattordici anni contribuiremo ad alleviare il disagio di molte famiglie messe a dura prova dalla contingenza economica. La cerimonia di consegna dei regali avverrà il ventidue dicembre alla 46ma Brigata Aerea , che ha già in serbo molte sorprese. A presentare l’iniziativa ieri presso Confcommercio Cristiano Marcacci, capo area del Tirreno; il generale Alessandro De Lorenzo, comandante della 46ma ; Federico Pieragnoli., direttore Confcommercio Pisa, Eugenio Leone, responsabile del Banco Alimentare. “Insieme al neo direttore Luciano Tancredi, in visita alla nostra redazione- ha spiegato Marcacci- siamo rimasti colpiti dalle statistiche nazionali per le quali , un bambino su sei o su cinque in alcune zone, quest’anno, non sarà in grado di ricevere un dono dalle proprie famiglie. Ho pensato quindi di contattare i principali amici del Tirreno, Confcommercio e, per il bagaglio di sensibilità e solidarietà che la contraddistingue , la 46ma Brigata, che ha fatto un lavoro straordinario anche lo scorso anno, relativamente al trasporto dei malati covid in bio contenimento. Ho poi pensato a Eugenio Leone, rappresentante del Banco Alimentare, un amico prezioso, grazie alla sua banca dati aggiornata di famiglie bisognose, dal litorale a Volterra. Lui sa dove bussare per colmare dei bisogni reali”.

La raccolta dei doni avverrà tramite la rete di negozi che hanno già aderito al progetto in tutta la provincia. I dipendenti della 46maBrigata Aerea troveranno il punto di raccolta in Base. “Mi preme sottolineare che ho aderito immediatamente alla richiesta del Tirreno- ha detto Pieragnoli, sottolineando il saldo rapporto di amicizia con il giornale. Quando si sentono numeri cosi elevati per i bambini penso che ognuno di noi debba trovare il modo di dare una mano. Quindi abbiamo subito intercettato attività commerciali che hanno già dato la disponibilità e sono certo ne arriveranno ancora. La presenza della 46 ma Brigata Aerea impreziosisce l’iniziativa , fa bene a tutta la comunità. Fare del bene per i nostri bambini è senza dubbio il meglio che possiamo fare”. “Ringraziamo di cuore- ha detto il generale De Lorenzo- per averci coinvolto in questa lodevole iniziativa. Nella nostra vision c’è quella di essere al servizio del Paese. Esattamente un anno fa partivamo per la distribuzione dei vaccini, questa estate c’è stato il ponte aereo per Kabul. Ci mancava una iniziativa cosi, i bambini sono il nostro futuro, niente di meglio che far trovare un regalo sotto albero, in modo tale che possano stringersi alle loro famiglie e festeggiare il Natale nel migliore dei modi”. Leone nel ringraziare il giornale per la grande solidarietà messa in campo ha fornito i numeri del postcovid , famiglie in ginocchio di vecchi e nuovi poveri. “Noi abbiamo una mappa quasi quotidiana - ha detto - dei bisogni: in provincia ci sono 11500 persone assistite , 3500 famiglie che seguiamo tutto anno, attraverso 63 enti locali territoriali, quartiere per quartiere, sia sotto forma di pacchi sia in tutte le forme di aiuti. Inoltre ci occupiamo della raccolta alimentare di diversa provenienza e anche allo spreco alimentare. Come fattore educativo nelle scuole e come recupero alimenti ancora buoni dalla grande distribuzione. Undicimila dei nostri assistiti sono ragazzi sotto i sedici anni e anche neonati. Donare un giocattolo va al di là del valore economico, è un segno di speranza , perché tutti possano salire a bordo di questa locomotiva che riparte”.

Al momento della consegna del dono, chi lo desidera potrà essere fotografato e lasciare una frase di augurio per chi lo riceverà. Un altro punto di raccolta dei regali, oltre le sedi di Confcommercio di Pisa e Pomtdera, è la redazione del Tirreno, in Corso Italia. Di seguito la lista dei negozi che ha già aderito all’iniziativa dove sarà possibile acquistare il “regalo sospeso Collego (Pisa, via San Martino 35); Libreria Fogola (Pisa, Corso Italia 82); ToySuper Pisa (loc. Ospedaletto, via Malpighi 20); ToySuper Cascina (loc. Navacchio c/o Centro dei Borghi, via del Fosso Vecchio 459; Grafikart (Cascina, viale Comaschi 47/55), Il Birillo (Tirrenia, viale del Tirreno 139); L'Approdo (Tirrenia, viale del Tirreno 169); Libreria Civico 14 (Marina di Pisa, 14/B); Baby Bazar (Ponsacco, viale Europa 49); Japan Style & Toyslandia (Calcinaia, via di Mezzo 26/S); Punto e a Capo (San Miniato Basso, via Tosco Romagnola Est 475), Non solo fumetto (Pontedera, via Verdi 43); Libreria Equilibri (Pontedera, via Lotti 15), Libreria Roma (Pontedera, via della Misericordia 18); One Game (Pontedera, via Guerrazzi 14).La lista è in continuo aggiornamento e l'elenco delle attività aderenti all'iniziativa “A Natale regala un giocattolo” è disponibile sul sito www.confcommerciopisa.it. Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare Confcommercio Provincia di Pisa ai numeri 05025196 o 3200861545 o alla mail l.lazzerini@confcommerciopisa.it.