Pisa, che beffa: regalato il pareggio al Pordenone

La delusione dopo il pareggio del Pordenone

Nel maxi recupero (a causa dell'infortunio dell'arbitro) il gol degli ospiti su clamoroso errore di Nicolas

PISA.

I nerazzurri non vanno oltre l'1-1 interno con il Pordenone che pareggia in pieno recupero con Folorunsho rispondendo al gol iniziale di Caracciolo. Pisa in difficoltà nel primo tempo e poi poco attento nel momento in cui sembrava aver congelato la gara. In tribuna il ct della Nazionale Roberto Mancini ha osservato Lorenzo Lucca in una giornata poco brillante per lui e la squadra.

Il Pisa si fa subito vedere con un tiro di Lucca servito da Sibilli che finisce in angolo. Dal corner seguente ci prova Sibilli che sfiora il palo dopo un'altra deviazione della difesa ospite. Il Pordenone però c'è e poco dopo sfiora il vantaggio con Tasadjout, ma Nicolas è superbo e respinge il tiro ravvicinato dell'attaccante. Il Pisa torna a farsi vedere al 11' con Caracciolo che non sfrutta un'uscita a vuoto di Perisan su cross di Marin. Un minuto più tardi buona chance anche per Marsura che in piena area perde il tempo giusto e calcia alto. Il Pordenone pressa alto e non offre troppi sbocchi al Pisa che ha difficoltà nel proporre il gioco brillante visto finora. Anzi, i nerazzurri rischiano soprattutto sulle incursioni di Folorunsho e Tsadjout e perdono anche il controllo delle operazioni che nel primo tempo è in mano al centrocampo degli ospiti guidato da un ottimo Petriccione. Al 45' si rivede il Pisa con un tiro di Hermannsson deviato da Perisan sopra la traversa. L'arbitro Tremolada non fa battere il corner perché non concede nemmeno un minuto di recupero.

La gara si presenta difficile anche nel secondo tempo, ma il Pisa riesce a sbloccarla sugli sviluppi di una punizione al 12': cross perfetto di Beruatto per la testa di Caracciolo che gira in rete e va ad esultare sotto la Nord insieme ai 6.500 spettatori dell'Arena. Poi c'è un caso singolare: si fa male l'arbitro esordiente in B Tremolada che viene sostituito dal quarto uomo Perenzoni. Nel maxi recupero di dieci minuti il Pisa sfiora subito il pari per un errore di Bassoli che sbaglia un retropassaggio e per poco non beffa Perisan che salva sulla linea di porta. Il Pisa non ne approfitta e il Pordenone pareggia grazie a un clamoroso errore di Nicolas che tarda il rinvio su retropassaggio di Caracciolo e viene beffato da Folorunsho che pareggia. Il Pisa reagisce e ci prova con Toure ma non passa. Finisce 1-1 con tutti i compagni che vanno ad abbracciare Nicolas dopo l'errore.

PISA (4-3-1-2): Nicolas; Hermannsson (11' st Birindelli), Leverbe, Caracciolo, Beruatto; Toure, Nagy (44' st De Vitis), Marin; Sibilli (11' st Gucher); Lucca, Marsura (25' st Cohen). In panchina: Livieri, Dekic, Mastinu, Quaini, Masucci, Di Quinzio, Cisco, Piccinini. Allenatore: D'Angelo.

PORDENONE (4-3-3): Perisan; El Kaouakibi (42' st Ciciretti ), Camporese, Barison (5' st Bassoli), Falasco; Zammarini (24' st Pinato ) Petriccione (24' st Kupisz ), Pasa; Tsadjout, Folorunsho, Cambiaghi (24' st Sylla). In panchina: Bindi, Stefani, Pellegrini, Mannino, Misuraca, Valietti, Perri. Allenatore: Tedino.

Arbitro: Tremolada di Monza (34' st Perenzoni).

Reti: st 12' Caracciolo, 51' Folorunsho.

Note: spettatori 6.388 per un incasso 110.851 euro. Ammoniti: Marin, El Kaouakibi. Angoli 6-9. Recupero: 0' e 10'.