Pannelli dissuasori per impedire l’attraversamento del passaggio a livello

Sono stati applicati alle sbarre per evitare imprudenze che in alcuni casi, anche recenti, hanno causato tragedie

PISA. Una serie di pannelli dissuasori per impedire il passaggio a sbarre abbassate. In attesa dei grandi cantieri per i sottopassi promossi, a Putignano si alzano i livelli di sicurezza al passaggio a livello già scenario di eventi tragici tra distrazione, imprudenza e fatalità, ultimo caso una donna nello scorso agosto. «Passaggio a livello di Putignano messo in sicurezza come avevo promesso ai residenti nell’incontro con il viceministro alle Infrastrutture, Alessandro Morelli», dice il deputato della Lega, Edoardo Ziello. «In attesa dell’inizio e dell’ultimazione dei lavori per i sottopassi – aggiunge la consigliera comunale della Lega, Laura Barsotti – sono stati applicati, per mettere i cittadini in sicurezza, dei pannelli dissuasori al passaggio a livello allo scopo di impedire alle persone l’attraversamento a sbarre chiuse».

All’inizio di settembre sono stati i sondaggi previsti dalla ditta incaricata di realizzare il sottopasso carrabile che permetterà l’eliminazione del passaggio a livello di Putignano. «Il progetto esecutivo dell’opera sarà pronto entro la fine dell’anno – aveva detto nell’occasione l’assessore alla mobilità urbana Massimo Dringoli –. L’amministrazione comunale, per dare seguito alla convenzione siglata tra il Comune e Rfi ha già impegnato 4 milioni e 788mila euro ed è pronta per dare avvio al cantiere con l’inizio del 2022. Ricordo che la convenzione tra Comune e Rfi prevede che quest’ultima sopprima il passaggio a livello di Putignano solo dopo che il Comune avrà realizzato il sottovia carrabile all’altezza di via Targioni Tozzetti. A spese di Rfi invece la realizzazione del sottopasso ciclopedonale che agevolerà la mobilità dolce dell’area. L’amministrazione sta dimostrando con i fatti di tenere fede agli impegni presi con i cittadini perché finalmente i passaggi a livello che ostacolano la mobilità delle periferie siano rimossi il prima possibile, a partire da quello di Putignano».


Prosegue nel frattempo l’iter degli espropri, con la determinazione delle indennità previste, passaggio necessario per entrare in possesso delle aree da occupare per consentire l’esecuzione dei lavori nella zona compresa tra a via delle Bocchette, via Ximenes e via Targioni Tozzetti. Il sottopasso carrabile sarà realizzato lungo una strada di circa un chilometro che passerà in mezzo ai campi tra via delle Bocchette e via Ximenes. La struttura sarà carrabile nel doppio senso di marcia. Il sottopasso ciclopedonale costerà invece un milione di euro e sarà a carico di Rfi, come previsto nella convenzione, successivamente a quello carrabile. Una scelta voluta dal Comune per rispondere alle esigenze dei cittadini e permettere ai residenti di Putignano di poter attraversare a piedi o in bicicletta il paese per raggiungere la zona più densa di negozi e servizi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA