Contenuto riservato agli abbonati

Opere pubbliche per 137 milioni di euro: presentato il piano del Comune di Pisa

La stazione Marconi a Coltano: previsti 2,6 milioni di euro

Al centro le operazioni di rigenerazione urbana in Gagno, via Rindi e via Piave e a Pisanova

PISA. 137 milioni di euro per opere pubbliche da realizzare nel 2022. L'amministrazione comunale punta a riqualificare i quartieri di Gagno e Pisanova, la zona dello stadio compresa tra via Rindi e via Piave, oltre alla realizzazione di una nuova piscina comunale in Barbaricina e la rinascita del Parco della Cittadella. In cantiere anche il recupero della stazione Marconi a Coltano.

La giunta comunale ha approvato il programma triennale delle opere pubbliche 2022-2024, un elenco di interventi programmati per il prossimo triennio, compresi quelli che verranno gestiti dalle società partecipate dal Comune: Pisamo, Apes e Navicelli. L'importo complessivo delle risorse programmate ammonta a 160 milioni di euro, di cui 137 a valere sul 2022, i restanti sul 2023 (13 milioni) e 2024 (10 milioni). Il quadro delle opere da realizzare è stato presentato ieri a Palazzo Gambacorti dall'assessore ai lavori pubblici Raffaele Latrofa. «Tra i principali interventi che andranno a gara nel 2022 – ha detto Latrofa – rientrano le tre grandi operazioni di rigenerazione urbana delle aree di Gagno, di via Rindi e via Piave e di Pisanova, progetti per i quali il Comune ha ottenuto 45 milioni di finanziamenti attraverso il bando ministeriale PinQua (Programma nazionale della qualità dell’abitare, ndr), risorse a cui si aggiungono 17 milioni di euro comunali per un totale di 62 milioni di euro. Stiamo inoltre concorrendo per i finanziamenti messi a disposizione da un altro bando statale sulla riqualificazione urbana: abbiamo presentato diversi progetti per un totale di 20 milioni di euro che, se finanziati, andranno a gara nel 2022. Tra questi, la riqualificazione del Parco della Cittadella per 7 milioni di euro, la realizzazione di una nuova piscina comunale per 5,1 milioni di euro e il rifacimento dei lastricati in pietra in varie zone della città per circa 1,5 milioni di euro. Tra i principali interventi del 2022 ci sono infine anche quelli inseriti nel progetto “Binario 14”, tra cui, il più importante, quello previsto al villaggio popolare di San Giusto grazie al quale saranno realizzati dei nuovi parcheggi e una nuova piazza in via Quarantola per 3,8 milioni di euro».


Inoltre, una buona fetta delle risorse sarà dedicata al comportato delle manutenzione stradale e del verde, oltre ad un intervento in cofinanziamento per il restauro e il recupero della stazione Marconi a Coltano.

Ma non solo. Edilizia scolastica: proseguono gli investimenti sull’adeguamento degli edifici alle norme antisismiche, per un importo complessivo di 6,2 milioni di euro. Edifici storici: oltre al recupero della stazione Marconi (2,6 milioni di euro, di cui 1 milione di risorse comunali) è previsto il restauro delle aree e delle mura urbane limitrofe alla Cittadella Galileiana e al parco urbano degli Arsenali Repubblicani (2,5 milioni di euro) da finanziare tramite bando ministeriale, della chiesa di San Zeno (105mila euro), del Bastione del Barbagianni (750mila euro) e della chiesa di Qualquonia (900mila euro). Viabilità: tra gli interventi in programma nel 2022 per la viabilità stradale la manutenzione straordinaria del ponte Solferino (150mila euro) e di altri ponti cittadini (100mila euro), più il rinforzo strutturale del ponte dell’Impero (800mila euro). Previsto anche il rifacimento della rotatoria in zona Cnr, mentre sul fronte della navigabilità dell’Arno è in programma la realizzazione del nuovo Scalo della Cittadella (500mila euro). Edilizia popolare: previsti lavori, tramite Apes, su edifici Erp per 1,5 milioni di euro e i lavori per realizzare a Sant’Ermete altri 20 alloggi con parcheggi per un investimento di 2,2 milioni di euro. In cantiere anche opere per la riqualificazione urbana in piazza del Duomo, Largo Cocco Griffi e piazza Manin (1 milione di euro), a cui si aggiunge la realizzazione delle nuove bancarelle fisse per gli operatori commerciali della zona turistica (350mila euro) e di varie piste ciclabili in città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA