Contenuto riservato agli abbonati

Pisa, Ztl “libere” per chi ha auto elettriche oppure ibride (anche dei non residenti)

Un varco Ztl

La giunta approva l’atto e dà mandato agli uffici di studiare l’operazione. Per i motori elettrici possibile la sosta gratis

PISA. Libera circolazione delle autovetture elettriche e ibride nelle Ztl cittadine, anche per i non residenti. Con previsione della gratuità dell’accesso nelle Ztl per le sole autovetture a motore esclusivamente elettrico. La giunta del sindaco Michele Conti approva una delibera e traccia l’indirizzo politico-strategico. Al tempo stesso, per la reale fattibilità dell’operazione chiede agli uffici comunali di svolgere le necessarie verifiche.

Ma l’intenzione è questa e protocollata. Nelle premesse dell’atto ci sono le motivazioni. Che discendono sin dal Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (Paes), approvato dal consiglio comunale nel 2012, che tra le sue azioni prioritarie mette la realizzazione di «un nuovo e sostenibile sistema della mobilità del cittadino» e in particolare la promozione «di modalità alternative di trasporto, privilegiando la modalità ciclabile e pedonale, l’intermodalità» e proprio «la mobilità elettrica».


Certe indicazioni derivano comunque anche dalla giunta attuale. Il Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums), adottato circa un anno fa, «si prefigge di promuovere le diverse modalità di trasporto in modo bilanciato, anche attraverso l’introduzione di mezzi a basso impatto ambientale e l’incentivazione di comportamenti ecosostenibili». L’atto approvato dalla giunta ricorda anche ed elenca gli obiettivi strategici del Pums e tra questi il riequilibrio modale della mobilità, la riduzione del consumo dei carburanti e il miglioramento della qualità dell’aria.

Anche nell’atto di governo cittadino più recente, ovvero l’aggiornamento del Dup 2021/2023 (Documento unico di programmazione), vengono ribaditi «gli indirizzi strategici per il contenimento dell’inquinamento atmosferico anche attraverso la promozione e la migrazione verso la mobilità elettrica».

In pratica, la giunta vorrebbe dare il via libera alla circolazione delle autovetture elettriche e ibride nelle Ztl del centro (anche per i non residenti), di fatto in tutti questi casi “neutralizzando” i varchi elettronici. Anzi, vorrebbe fare di più: un’ulteriore agevolazione che preveda la gratuità della sosta sulle strisce blu a pagamento in favore esclusivamente delle autovetture elettriche e una tariffa agevolata in favore delle autovetture ibride (benzina/elettrico, gasolio/elettrico, altra alimentazione/elettrico).

Su questo punto, che ha risvolti nei bilanci dell’ente e della sua partecipata per la mobilità, la giunta chiede agli uffici «di valutare anche i possibili effetti sugli equilibri economici-finanziari della società in house Pisamo Spa». Alla Direzione urbanistica, ora, il compito di provvedere agli atti per provare a dare concretezza all’indirizzo della giunta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA