La denuncia di una mamma: "Un’odissea fare l’abbonamento alla biglietteria della Ctt Nord"

Le file alla Ctt, alla Sesta Porta, documentate con una foto dalla mamma autrice della segnalazione

In una lettera al Tirreno, una donna di Cascina racconta dei problemi riscontrati per acquistare il tagliando di sua figlia che frequenta una scuola di Pisa

pisa. I problemi per il trasporto scolastico iniziano ancor prima dell’avvio delle lezioni e dei mezzi pubblici. Ne è concreta dimostrazione il testo di una lettera che una mamma residente a Cascina, Maria Di Grazia, ha inviato alla redazione pisana de Il Tirreno

"Sono la mamma di una studentessa di Cascina – ci ha scritto la donna per mail nella mattina di martedì 14 settembre – che inizia la scuola a Pisa e deve fare l'abbonamento per l'autobus alla Ctt. Sono giorni che passo davanti alla biglietteria e non mi fermo per le code interminabili. Sento le lamentele di tanti genitori costretti a stare in fila per ore. Nel pomeriggio di lunedì 13 settembre, dopo aver fatto quasi un'ora di fila (scorreva molto lentamente perché c'era un solo sportello aperto e i tempi per i nuovi fare i nuovi abbonamenti sono di circa 7/8 minuti), alle 19.30 hanno chiuso lo sportello e ci hanno mandato via".

Riferendosi al giorno seguente dice: "Ora sono di nuovo qui in fila mentre sto scrivendo da un'ora, ho ancora molte persone avanti e la fila si allunga sempre di più. È vergognoso che, pur sapendo di un'intensificazione delle richieste di abbonamento, ci sia un solo sportello aperto. Solo ora alle 10.30 ne hanno aperto un altro. Un’odissea".