Contenuto riservato agli abbonati

Un milione di euro per la Stazione Marconi: ora il Comune spera nell’arrivo di privati

La Stazione Marconi

Pisa, lo stanziamento è stato aggiunto al piano triennale dei lavori pubblici per incoraggiare la partecipazione di soggetti esterni

PISA. Il miglioramento sismico della scuola primaria Genovesi, interventi di forestazione urbana nei giardini delle scuole comunali, la realizzazione di un collegamento ciclabile tra la Stazione Centrale e il polo universitario di Farmacia-Chimica-Ingegneria, il restauro della Stazione Marconi di Coltano. Sono i nuovi interventi inseriti tra le integrazioni al programma triennale dei lavori pubblici 2021-2023 approvato dal consiglio comunale. A questi si aggiungono alcune variazioni di spesa su interventi già inseriti nel piano.

Viene dunque introdotto nell’annualità 2021 il nuovo intervento “Edifici monumentali, Stazione Radiotelegrafica Marconi, restauro e recupero” dell’importo di 2,6 milioni per il quale è previsto un contributo da privati di 1,6 milioni e uno stanziamento di bilancio di un milione. «Si tratta di intervento di restauro e recupero dell’edificio – si legge nella relazione comunale – che da un lato avrà un uso espositivo come museo dell’esperienza marconiana a Coltano e dall’altro costituirà un incubatore di imprese e centro di ricerca con particolare riferimento alle nuove tecnologie riguardanti le telecomunicazioni. L’intervento viene introdotto al fine di favorire la potenziale partecipazione di privati allo sviluppo del territorio nell’ottica di una maggiore valorizzazione dell’intera zona».


Introdotto anche l’intervento di miglioramento sismico della scuola primaria Genovesi: l’importo è di 670mila euro e per il finanziamento verrà formulata istanza al ministero dell’Interno.

Inoltre, entra nel piano dei lavori pubblici il progetto di forestazione urbana nei giardini delle scuole comunali, per un importo di circa 472mila euro corrispondente al contributo (determinato sulla base della popolazione residente e della superficie del territorio) destinato al Comune di Pisa dal ministero della Transizione ecologica che istituisce il “Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano». Il progetto proposto riguarda la sostituzione arborea e la messa a dimora di alberature nei giardini delle scuole comunali con interventi di realizzazione di aule verdi costituite da gazebo con la parte superiore completamente avvolta dagli arbusti. «L’obiettivo – si legge nella relazione – è contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici, alla riduzione, attraverso quinte verdi, dell’isola di calore sia nei giardini degli edifici scolastici che nell’intero tessuto urbano di vicinato, considerato che le scuole sono principalmente nei quartieri residenziali.

Introdotto poi l’intervento “Ciclovie urbane Stazione-Poli universitari” dell’importo di 525mila euro, corrispondente al contributo (determinato sulla base del costo medio stimato per la progettazione e realizzazione di un chilometro lineare di pista ciclabile) destinato al Comune di Pisa dal ministero delle Infrastrutture e Mobilità sostenibile, che in un decreto ha stabilito l’attribuzione di le risorse per la realizzazione di ciclovie per il collegamento tra le stazioni ferroviarie ed i poli universitari. «L’obiettivo generale del progetto – scrive il Comune – è quello di completare il collegamento ciclabile tra la Stazione di Pisa Centrale e il polo Universitario di Farmacia-Chimica-Ingegneria raccordandosi con la rete ciclabile già esistente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA