Pisa, assalti notturni nei negozi: c’è un sospettato

Il vetro scardinato all’ingresso del bar

Decisive le immagini dopo l’ultimo colpo, il furto al Caffè Sant’Anna: il ladro filmato mentre passa da un mini pertugio

PISA. C’è un nome appuntato sui taccuini dei poliziotti impegnati a interrompere il flusso di furti che da settimane ha ripreso a martellare case e negozi a Pisa. Bar e ristoranti, in particolare, sono gli obiettivi preferiti dai ladri e con quel volto, seppur sfocato, appare con frequenza nei video acquisiti dagli investigatori.

L’ultimo colpo è avvenuto ai danni del Caffè Sant’Anna in via San Lorenzo. Le telecamere interne e quella esterna posizionata all’angolo della strada e puntata sull’ingresso del pubblico esercizio ha ripreso un ragazzo di colore a fare da palo e il complice nel momento in cui si introduceva nel locale. Lo ha fatto con un’agilità da contorsionista rompendo accanto alla porta il vetro verticale che misura, tra un battente e l’altro, una ventina di centimetri. Si è infilato in quel pertugio e una volta dentro il bar è andato dietro al bancone per svuotare il registratore di cassa. Non si è accontentato. E quando ha visto la cassettina di cartone per le offerte dedicate agli animali ha ripulito pure quella.


«In tutto avrà preso sui 200-300 euro – spiegano i titolari del bar –. È entrato intorno alle 5. Avevamo un sacchetto di monetine accanto alla cassa ma non lo deve aver visto».

La scena è stata ripresa dall’interno e all’esterno. Una sequenza di immagini sufficiente per convincere gli investigatori della questura - intervenuti con la scientifica - che uno dei due autori sia un 22enne dell’Est Europa, domiciliato nell’hinterland pisano, già arrestato nel 2018 per una serie infinita di furti tra centro e prima periferia. Dopo diversi mesi in carcere e almeno tre processi aperti, è tornato in libertà. I filmati raccolti finora dalle forze dell’ordine concordano per tratti somatici e caratteristiche fisiche, non ultima quella dell’agilità, portano all’identikit dello straniero, ma naturalizzato italiano. L’ultimo arresto fu preceduto da almeno una quindicina di furti contestati al ladro seriale. Ora è tornato su piazza. Infine, in via Bianchi è stato tentato un furto al distributore Q8.