Lotta ai rifiuti e al degrado a Pisa: 500 segnalazioni in due mesi

Rifiuti in via Giordani

Un sistema di collaborazione tra Comune e cittadinanza attraverso il sito web. Il sindaco: usate questo strumento, togliete anche l’alibi ai mancati interventi

PISA. In due mesi, gennaio e febbraio, oltre 500 segnalazioni con richiesta di intervento. Un filo diretto tra i cittadini dotati di senso civico e l’amministrazione comunale. Chiamata a dare pronta risposta alle richieste pervenute. Le segnalazioni più frequenti riguardano i rifiuti abbandonati, il materiale ingombrante lasciato intorno ai cassonetti e lo svuotamento ritardato dei cestini pieni.

Tutela dell’ambiente urbano e rimozione dei rifiuti, dunque, ai primi posti. A seguire i marciapiedi sporchi ed i lampioni non funzionanti, perché il buio determina anche situazioni di pericolo e insicurezza.


Poi, ancora, caccia al degrado: erba alta o sporcizia in area verde e discariche su suolo pubblico. Infine, caditoie, bocche di lupo e griglie intasate.

Lo strumento attraverso il quale tanti cittadini chiedono al Comune e alle sue società incaricate di intervenire è l’apposita sezione sul sito internet istituzionale: vi si accede dalla home page cliccando su “segnalazioni”. Si fa riferimento al luogo e al problema, allegando, se si vuole, anche una foto. Dalla stessa sezione si può seguire l’andamento della pratica: dalla presa in carico (e anche a quale servizio viene affidata) fino alla risoluzione avvenuta. Nel caso, si possono fare solleciti.

Lo strumento non è nuovo. Da alcuni anni è stato attivato e con buone risposte. Lo scorso anno, forse anche per i periodi di lockdown che si sono verificati, le segnalazioni sono state quasi 2.600, con una media mensile di 213 e giornaliera di sette.

Nei primi due mesi di quest’anno le segnalazioni con richiesta di intervento sono aumentate in modo significativo. Sono state 280 a gennaio e oltre 500 a febbraio, con una media giornaliera raddoppiata rispetto all’anno precedente.

Anche l’andamento della seconda quindicina di febbraio conferma come la presenza di rifiuti abbandonati in strada e comunque nei luoghi pubblici sia la problematica più avvertita e segnalata all’amministrazione.

«Per come intendo il mio lavoro di sindaco – ha scritto sui canali social Michele Conti – le segnalazioni dei cittadini sono fondamentali, sia perché danno informazioni in tempo reale su necessità e problemi, sia perché mi permettono di avere un punto di vista diretto sulle opere e sui quartieri».

Il problema, fa sapere il sindaco, «è che spesso le segnalazioni dei cittadini ci arrivano attraverso messaggi di messenger o di whatsapp ed è molto facile che vengano perdute».

Per questo l’amministrazione ricorda che «il modo più efficace di mandare una segnalazione è attraverso la pagina del sito del Comune che si raggiunge dall’indirizzo https://segnalazioni.comune.pisa.it/. Questo perché, grazie a questa modalità, ogni segnalazione viene geolocalizzata e catalogata e lascia una traccia indelebile».

Conti sottolinea poi un altro aspetto: «Fare una segnalazione di cui resta una traccia pubblica è un ottimo modo di togliere alibi agli amministratori: non potrò mai dire “non sapevo questa cosa” se c’è una segnalazione pubblica che già in passato mi aveva dato notizia di ciò. Aiutateci a portare avanti il nostro piano di piccole e grandi manutenzioni della città, rendiamo insieme migliore la nostra Pisa». —

Francesco Loi

© RIPRODUZIONE RISERVATA