Botte e sprangate alla compagna, rapper in cella

Simona Vergaro e Algero Corratini

È una 25enne pisana la giovane picchiata dal convivente, un influencer romano accusato di lesioni e maltrattamenti 

PISA. Origini cascinesi e anni di residenza a Riglione. Poi la scelta di lasciare la città per andare a Roma.

È nella capitale che Simona Vergaro, attrice hard di 25 anni, incontra l’uomo che l’altro giorno l’ha picchiata in modo selvaggio con una spranga di ferro facendola finire in ospedale con un costola rotta e un timpano lesionato. Trenta giorni di referto per la pisana molto attiva su YouTube e per questo al centro di una vasta campagna di solidarietà sui social dopo quanto accaduto.

L’episodio ha diviso le strade della coppia. Lei in ospedale, lui, Algero Corretini, coetaneo della convivente, in carcere, accusato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e anche detenzione di sostanze stupefacenti. Non era la prima volta, stando alla Procura romana, che Algero, rapper e influencer con un certo seguito a Roma, conosciuto tra i ragazzini con il nome di “1727” o “fratellì”, alzava le mani sulla compagna.

Simona, una volta soccorsa, ha raccontato ai militari di un’occasione in cui l’aveva quasi strangolata, di un’altra in cui l’ha cosparsa di alcol minacciando di darle fuoco e di un’ultima, più recente, in cui le ha ficcato le dita negli occhi costringendola ad andare in ospedale per farsi medicare.

Terrorizzata giovedì sera, la ragazza è uscita di casa, cercando di scappare. Si è messa a correre nuda per strada. Corretini ha fatto lo stesso, anche lui senza vestiti, è riuscito a riacchiapparla e a riportarla dentro. La lite è continuata ancora, fino a che l’uomo l’ha colpita con una mazza di metallo. E lei, solo dopo molte ore, è riuscita a mandare un messaggio di aiuto alla madre, che vive nel Pisano, che ha mandato i soccorsi.

A casa della coppia i carabinieri hanno trovato anche della droga, degli anabolizzanti e un timbro di un medico falsificato che, con ogni probabilità, gli serviva per procurarsi i farmaci. L’arresto del giovane, è stato convalidato con la custodia in carcere. Simona periodicamente torna a Pisa e, nelle scorse settimane, è apparsa nella trasmissione “Chi l’ha visto?” per denunciare la scomparsa di Corretini. Aveva anche tirato fuori dalla Smart del compagno una scacciacani esibita durante il servizio.

Dopo pochi giorni, “fratellì”, diventato famoso per essersi schiantato contro un muro con la sua macchina nuova, aveva annunciato il ritorno a casa. Una convivenza turbolenta deflagrata in un arresto per lui e un ricovero in ospedale per lei. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA