L’impegno di Giani: "Si riapra il prima possibile la chiesa di San Francesco"

La chiesa di San Francesco a Pisa

Mercoledì 21 ottobre presentazione in Comune del libro scritto da Franco Mariani e Nicola Nuti dedicato al monumento

PISA. Dopo quattro anni e mezzo (era il 12 aprile 2016) da quando la chiesa di San Francesco di Pisa venne chiusa per il rischio del crollo del tetto, nella sala del consiglio comunale mercoledì prossimo, 21 ottobre, alle 18.30, si parlerà per la prima volta in Comune, grazie anche alla Regione e al suo presidente Eugenio Giani, della chiesa, monumento nazionale di proprietà dello Stato, anche se dal 1200 vi abitano i Frati Minori Francescani che l’edificarono.

La Regione ha pubblicato il libro “La chiesa e il quartiere di San Francesco a Pisa” scritto da Franco Mariani, giornalista vaticanista, e da Nicola Nuti, parrocchiano e curatore del sito web della parrocchia, «per non abbassare la guardia e l’attenzione sul monumento nazionale - ha detto Giani - i cui lavori di restauro, stimati ad oggi in oltre 5 milioni di euro, tutti a carico del ministero per i Beni culturali, ancora non sono iniziati. Bisogna operare alacremente a tutti i livelli perché non solo questo scrigno d’arte possa riaprire quanto prima, ma soprattutto perché un’intera comunità possa ritornare a vivere tra quelle mura che giustamente considera come una seconda casa».


L’evento è stato voluto dal sindaco Michele Conti. «La chiesa che dà il nome ad un intero quartiere - ha scritto il sindaco nell’introduzione - ha un alto valore simbolico per la città e per tutti i pisani, non solo come baluardo religioso, ma anche come bene storico artistico tra i più prestigiosi della città e dell’intera nazione. La chiesa ed i tesori che racchiude, il chiostro e la sala capitolare sono legati a doppio filo con gli abitanti del quartiere ed i cittadini di Pisa. Il mio auspicio è che in tempi brevi la chiesa sia definitivamente restituita alla fruizione pubblica, riconsegnando così alla città un luogo che rappresenta una parte importante della storia di Pisa come è dettagliatamente raccontato in questa pubblicazione».

Il lavoro di Mariani e Nuti ripercorre (oltre ovviamente alla storia della chiesa, del convento, del chiostro, della sala capitolare, del campanile, delle sue numerose opere d’arte e della sua biblioteca storica) la storia del quartiere, l’arrivo dei francescani a Pisa, l’Inquisizione a Pisa affidata proprio ai francescani, l’amore e l’attenzione dei pisani verso i francescani, il villaggio del fanciullo e della città dei ragazzi che qui nacquero nel dopoguerra per i ragazzi più poveri ed orfani con l’obiettivo di dar loro un’istruzione e la conoscenza dei mestieri dell’epoca per trovare poi un lavoro ed un posto nella società, oltre a raccontare la storia del Conte Ugolino e della famiglia dei Della Gherardesca.

Presente anche una biografia del Santo di Assisi e il Messaggio 2019 dei vescovi della Toscana (che hanno già tutti ricevuto in omaggio il libro) ai toscani per l’offerta dell’Olio alla tomba del santo. All’evento, che sarà moderato dal giornalista Edoardo Antonini, parteciperanno l’assessore alla cultura Pierpaolo Magnani, il Padre Guardiano e parroco di San Francesco Giuliano Budau ed i due autori.

Il libro è disponibile gratuitamente anche in formato ebook, scaricabile direttamente dal sito del consiglio regionale a questo indirizzo: https://www.consiglio.regione.toscana.it/upload/eda/pubblicazioni/pub4134.pdf.

Ingresso libero nel rispetto delle norme anti Covid.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi