Il banco di Luca resta vuoto: non c’è l’insegnante di sostegno. Lo sfogo della mamma

Pisa, nonostante da giorni si sia cucito addosso il grembiule come una seconda pelle, spinto dalla frenesia di iniziare l’avventura alla primaria, la scuola non è stata in grado di mettere un insegnante a disposizione di un bimbo affetto dalla sindrome di Down