«Non dimentichiamo Alberto e Marta: il nuovo ponte è comunque una sconfitta»

Il mondo accademico e sanitario si stringe attorno alle famiglie delle due vittime del “Morandi” che lavoravano a Pisa