La denuncia di una malata: «Rinviano l’operazione per non occupare posti in terapia intensiva»

Il padiglione della chirurgia bariatrica (foto Muzzi)

Nonostante la graduale ripartenza, una 45enne pisana attende dallo scorso gennaio una chiamata per un intervento di riduzione dello stomaco