«Non siamo brontoloni, il Comune adesso ci deve ascoltare»