Si chiama ruxolitinib, è un farmaco che argina il ricorso alla terapia intensiva

Da sinistra il dottor Enrico Capochiani e il suo collega Spartaco Sani

L’Asl Toscana Nord Ovest ha iniziato la sperimentazione. «Quattro pazienti hanno evitato di essere intubati»