Pisa, processi via Skype: arrestati e detenuti difesi in “remoto”

Dal 30 marzo e sino alla fine dell’emergenza sanitaria le udienze si terranno in ambienti separati attraverso videoconferenze