L’“altro” centrodestra si confronta attorno al libro di Filippo Rossi