Caso Ragusa, quei sorrisetti di Sara: gli ultimi imperdonabili errori

Se l’obiettivo di Logli e dei suoi difensori era quello di far pendere l’ago della bilancia verso un ribaltamento della sentenza di secondo grado, l’effetto prodotto è stato con ogni probabilità l’opposto