Cannabis, a Pisa la prima fiera toscana

Dal 12 al 14 ottobre si svolgerà al Palacongressi la manifestazione dedicata ai numerosi utilizzi della canapa

PISA. I golosi potranno degustare biscottini e torte farcite con olii, semi ed estratti di canapa. Gli amanti dell’artigianato avranno la possibilità di riscoprire un antico materiale usato per produrre piccoli e grandi oggetti. Per i più audaci sarà invece possibile “aspirare” una delle tante varietà di cannabis light che da qualche mese hanno invaso il mercato legale. In ogni caso, la grande protagonista sarà la pianta dalle foglie a sette punte. Dal 12 al 14 ottobre si svolgerà al Palazzo dei Congressi “Cannabis”, la prima fiera toscana dedicata alla canapa ed ai suoi tanti, possibili, utilizzi. L’obiettivo della kermesse, organizzata da Alterego fiere, è cercare di riscoprire le proprietà di un’antica pianta e di una florida economia che fino agli inizi degli anni Quaranta fece dell’Italia il secondo maggiore produttore al mondo, dopo l’Unione Sovietica, con oltre 100mila ettari coltivati a canapa. Una manifestazione prevalentemente scientifica, con una serie di seminari e conferenze, che darà però grande risalto alle molteplici applicazioni che la canapa può avere nel settore dell’artigianato, nel campo del benessere, dell’abbigliamento, dell’alimentazione e in quelli della bioedilizia, della farmacologia, dell’olistica e delle terapie complementari.

Protagonista della manifestazione sarà anche la cannabis light, che negli ultimi mesi è riuscita a ritagliarsi un importante spazio all’interno della cultura cannabica. Saranno presenti gli stand di decine di aziende provenienti da tutta Italia e dall’estero che metteranno in mostra prodotti e possibili usi della canapa. «Ampio spazio sarà dato agli aspetti informativi e scientifici con conferenze e seminari tenuti da esperti e docenti universitari che porteranno a conoscenza del vasto pubblico i risultati delle ultime ricerche scientifiche sulle proprietà benefiche di questa pianta», spiegano gli organizzatori. Un’opportunità, quella della canapa, che secondo Coldiretti potrebbe generare un giro d’affari di 1,4 miliardi di euro e garantire almeno 10mila posti di lavoro e che va quindi opportunamente considerata per uscire dalla dipendenza dall’estero e per avviare un progetto sperimentale di filiera italiana che unisca l’agricoltura all’industria farmaceutica. Accanto agli interventi medico-scientifici ci saranno anche interventi di avvocati che approfondiranno la nuova normativa in materia, riportando un’analisi socio-economica dell’utilizzo della canapa e un focus sull’attuale boom della cannabis light.


Al Palazzo dei Congressi la canapa sarà protagonista di decine di attività, tra cui numerosi show cooking con cuochi ed esperti del settore che delizieranno i palati dei visitatori con pasta e dolci, ma anche gelati, vini, birre e caffè alla canapa, ai semi o ai fiori di canapa, ideali anche per realizzare tisane ed infusi.