Guardia giurata minaccia il suicidio in ospedale: «Ho una pistola»

Psichiatria al Santa Chiara

Pisa: il personale di psichiatria del Santa Chiara chiama i carabinieri. L’uomo viene disarmato dai militari e ricoverato d’urgenza

PISA. Un uomo si presenta in psichiatria dicendo che vuole uccidersi. Storia seria, senz’altro. Ma alla fine uno pensa che è finito nel posto giusto. Tutto bene, allora? No, perché l’aspirante suicida aveva in tasca una pistola.

Una scena che ha spiazzato e terrorizzato il personale del reparto. Non si sono mai sentiti sotto tiro. Anche perché l’arma non è stata puntata contro qualcuno. È stata la situazione, di potenziale pericolo, ad aver indotto una dottoressa a chiamare i carabinieri. L’arrivo dei militari ha disinnescato il contesto poco sereno. L’uomo è stato disarmato, senza alcuna resistenza, e la pistola presa in consegna dai carabinieri. L’episodio è successo di pomeriggio al Santa Chiara. È stata l’apprensione per quello che sarebbe potuto accadere a richiedere la protezione delle forze dell’ordine.

Il protagonista della storia è una guardia giurata che abita in provincia. Quella pistola era detenuta regolarmente. È in cura da tempo da una psichiatra che si è specializzata nella clinica diretta dalla professoressa Liliana Dell’Osso. Le turbe sono tornate a fargli visita. Di nuovo e in modo più incisivo del solito. Di qui la decisione di presentarsi, in abiti civili, dal medico per chiedere aiuto. Un colloquio che ben presto è virato verso un malessere talmente profondo da far confessare alla guardia di volerla fare finita.

Non è chiaro se alla dottoressa la guardia abbia detto subito di aver un’arma con sé. Di sicuro la psichiatra, prendendo sul serio lo sfogo del paziente, lo ha portato al Santa Chiara dove avrebbe trovato strutture e personale idonei a dargli una risposta immediata al suo sconforto. Si sono presentati nel reparto spiegando la situazione. E in quel momento il vigilante ha esibito l’arma congelando i presenti. Non che volesse usarla, ma avere davanti una persona sconvolta che dice di volersi uccidere che mostra un’arma non è rassicurante. L’arrivo dei carabinieri ha rasserenato tutti. Tolta la pistola, la guardia con problemi psichici è stata ricoverata con un Tso. Dopo un episodio del genere sono in corso le valutazioni sull'eventuale sospensione del porto d’armi.