Pisa: ecco cosa c'è dietro al fondo che ha comprato la società nerazzurra

Cè una una holding, quotata al Nasdaq, con ricco un patrimonio immobiliare in Medio Oriente

PISA. La trattativa per acquistare il Pisa si è svolta su un’asse tutta internazionale: da Dubai a Londra. Di italiano, infatti, c’era solo il “motivo del contendere” e cioè la società nerazzurra, visto che sia l’ormai ex proprietario (Gruppo Petroni) che l’acquirente sono esteri almeno come base operativa. Logico quindi che i consulenti di Pablo Dana abbiano sempre inviato i preliminari di acquisto in inglese, considerato che Equitativa Real Estate Ltd - il soggetto giuridico titolare dell’intera operazione - ha sede a Dubai.

E’ anche vero che il Pisa aveva come proprietaria l’italiana Carrara Holding, società che però è stata acquisita interamente all’inizio di luglio da Britaly Post che a sua volta aveva un altro controllore e cioè la Inpra Uk Limited. Stiamo parlando per entrambe di società inglesi, nel caso di Britaly con Fabio Petroni come unico socio di Britaly Post, mentre in Inpra Uk Limited la maggioranza appartiene all’inglese John Edward Walker.

Tornando al soggetto che tecnicamente ha fatto l’offerta decisiva per l’acquisto del Pisa, la Equitativa Real Estate Ltd, si tratta di una società a responsabilità limitata (come le due inglesi e la stessa Carrara Holding) azionista di Emirates Reit Management Limited. Quest’ultima società detiene un vero e proprio impero immobiliare a Dubai, avendo acquisito in soli sei anni (è nata nel novembre 2010, ma è operativa dal marzo 2011) proprietà per un valore da loro dichiarato di quasi 600 milioni di dollari, quotandosi anche al Nasdaq di Dubai.

Presidente di questa società è Abdulla Al Hamli, mentre il direttore del Fondo Equitativa è Abdul Wahab Al Halabi.

La descrizione del gruppo di Dubai la ritroviamo anche nell’articolo 1 del preliminare che era stato inviato a Britaly nei giorni scorsi, quello respinto al mittente e “sostituito” dall’atto a firma Lorenzo Giorgio Petroni e Vincenzo Taverniti: «Equitativa Holding Foundation è un grande gruppo finanziario - recita il documento - che detiene vari gestori di fondi localizzati nel Medio Oriente e che gestiscono asset per oltre 1 miliardo e 200 milioni di dollari. E’ il proprietario di un patrimonio negli Emirati Arabi e il fondatore di vari fondi innovativi in diversi mercati, compresi il primo Real Estate Investiment Trust in Marocco e negli Emirati Arabi; è l’unico Exchange Traded Fund (fondo di investimento scambiato in Borsa in negoziazione continua, proprio come avviene per le azioni, ndr) negli Emirati Arabi».