Rissa a bottigliate, un ferito in piazza delle Vettovaglie

L'uomo ferito alla testa (dal profilo Facebook Pisa viva di notte)

Lite tra nordafricani, gli aggressori si sono dileguati. Anche una ragazza è stata colpita durante lo scontro

PISA. L’episodio che rischia di non diventare più una notizia è avvenuto nella tarda serata di martedì 29 settembre: una lite tra nordafricani in piazza delle Vettovaglie, innescata dall’alcol assunto in quantità, si è conclusa con il ferimento alla testa di un maghrebino colpito a bottigliate.

Anche una ragazza si è beccata la sua razione di colpi nel mulinare di bottiglie usate come clave. Una rissa che per contesto e modalità non è altro che una fotocopia di quanto con periodicità ravvicinata avviene nella piazza diventata il simbolo di disordine e degrado. Il ferito, sdraiato a terra e con la testa sanguinante, è stato soccorso da un’ambulanza inviata dalla centrale operativa del 118. Nel frattempo i suoi aggressori erano già spariti.

IL VIDEO:

 

massacrato Nord africano a bottigliate(Condividete!)

Posted by PISA VIVA DI NOTTE on Martedì 29 settembre 2015

Sull’origine della rissa, le ipotesi sono quelle dei futili motivi resi violenti dall’alcol. Personaggi coinvolti e ambiente perimetrano la vicenda tra i vecchi rancori o storie di droga. Questioni personali deflagrate nell’aggressività di un gruppo di nordafricani ai danni di uno straniero al quale, da solo contro tanti, non è rimasto che soccombere. Carabinieri e polizia sono intervenuti per un primo riscontro alle segnalazioni arrivate alle rispettive sale operative. È stato identificato il ferito, mentre per gli aggressori sarà necessario l’utilizzo delle telecamere e delle eventuali testimonianze.

Al momento non ci sono denunciati, ma le indagini sono in corso. Un mese fa i carabinieri del radiomobile avevano arrestato due tunisini dopo una rissa combattuta a colpi di bottiglie rotte tra piazza delle Vettovaglie e piazza Cairoli. Dopo il fermo erano stati rimessi in libertà. Avevano ferito a sangue un connazionale che vagava in strada quando i militari lo avevano incrociato. Arresto in flagranza per lesioni personali in concorso. Ma dopo una notte al Don Bosco erano tornati fuori. Una sequenza già vista nella quale contesto, protagonisti ed eventuali conseguenze in caso di fermo dei responsabili delle violenze, fanno parte di un copione usurato.

C’è chi si è ormai assuefatto all’equazione piazza delle Vettovaglie uguale spaccio e violenza. Altri, più idealisti, continuano a credere e pretendere che un’altra piazza è possibile.

RISSE E SANGUE A PISA: GLI ULTIMI EPISODI