Pisa: studenti e lavoratori in piazza, manganellate (con feriti) davanti alla Provincia e tensione all'aeroporto

Lavoratori dentro l'aeroporto

I ragazzi provano a entrare nel palazzo di Piazza Vittorio Emanuele, ma la polizia li blocca. All'aeroporto Galilei i manifestanti, alcuni dei quali legati a Cobas e sindacati di base, sono arrivati dentro al terminal forzando il cordone delle forze dell'ordine. Tre agenti contusi. In arrivo denunce

Tensione la mattina del 14 novembre davanti ai portoni della Provincia che sono stati chiusi per impedire l'accesso ai giovani manifestanti contro il governo. Questi ultimi hanno cominciato a battere contro i portoni presidiati dagli agenti della polizia provinciale e a quel punto sono intervenuti poliziotti e carabinieri in tenuta antisommossa.

E' volata qualche manganellata e qualcuno tra i giovani ha riportato ferite. Dopo di ciò, muro contro muro tra i ragazzi e le forze dell'ordine finché è arrivata l'ingegnere Genoveffa Carluccio, dirigente della Provincia, la quale ha incontrato gli studenti e garantito loro un summit dedicato ai problemi dell'edilizia scolastica per venerdì 21 novembre alle 15. A fine giornata si parla di denunce in arrivo a carico di alcuni studenti per resistenza a pubblico ufficiale e violenza.

Pisa. Gli scontri tra studenti e forze dell'ordine in Provincia

Momenti di tensione anche all'aeroporto dove i lavoratori di alcune aziende hanno invaso il terminal nonostante la presenza di poliziotti in tenuta anti sommossa. Slogan e proteste contro la Sat, la società che gestisce lo scalo. La situazione è tornata alla normalità soltanto dopo che Sat ha promesso un incontro per il 24 novembre. I lavoratori hanno quindi lasciato l'aeroporto e hanno formato un corteo. La vicenda ha lasciato strascischi giudiziari: tre agenti, secondo fonti della questura, sono rimasti contusi. In arrivo ci sono denunce per resistenza a pubblico ufficiale, violenza e lesioni.

Le vie della città sono state percorse anche da un corteo di studenti medi, numero comunque minore alle aspettative. I ragazzi, partiti da Piazza Guerrazzi, hanno sfilato sui lungarni, si sono fermati sul Ponte di Mezzo, hanno protestato sotto Palazzo Gambacorti, sede del Comune, quindi hanno raggiunto Piazza dei Cavalieri. Inevitabile qualche problema per il traffico.

Nel pomeriggio un nuovo corteo di studenti e precari ha sfilato nelle strade del centro. In serata, infine, c'è stata una street parade del Municipio Beni Comuni.

Sciopero sociale, la protesta a Pisa