Vigilante ferito al volto con un trincetto

Aggredito da due banditi davanti alla farmacia Comunale 1, riesce a salvare la busta coi soldi. «Sono stato fortunato»

PISA. Un colpo di trincetto al volto e uno al braccio sinistro. È rimasto sempre in sella a uno scooter 50 rosso, senza targa, con l’amico sul retro spettatore impassibile del tentativo di rapina, il malvivente che poco dopo mezzogiorno in piazza Giusti ha ferito davanti alla farmacia Comunale 1 il portavalori dell’istituto “Corpo Guardie di Città”, l’appuntato Davide Giuliani, di Santa Maria a Monte.

Una rapina da seduto non andata a buon fine. Ma che ha lasciato un segno sul volto del portavalori, un omone di quasi due metri che ha difeso la busta con il denaro contante e ha reagito sferrando un calcione ai due balordi fuggiti, a mani vuote, contromano in direzione di Sant’Ermete.

Non sono stati necessari punti di sutura sulla guancia sinistra. La ferita è superficiale.

«Sono stato fortunato – riflette ad alta voce, l’appuntato Giuliani –. Ma sono stati fortunati anche loro. Quando ho ripensato alla scena mi è salita una rabbia...»

Quello che sgomenta è la violenza usata dal bandito che ha mirato al volto il suo bersaglio. La minaccia con la lama deve essere sembrata poco convincente al malvivente che ha scelto di usarla rischiando di sfigurare per sempre una persone per un bottino di qualche centinaio di euro.

«Avranno avuto sui trent’anni – racconta Giuliani –. Non so dire se italiani o stranieri. Quello che guidava mi ha detto soltanto “Dammi i soldi”. È stato lui a colpirmi con il trincetto prima al volto e poi al braccio sinistro. Il passeggero ha fatto lo spettatore».

L’aggressore indossava un casco bianco senza visiera, mentre l'altro solo un cappellino da baseball e un sciarpa girata sul volto.

Quando Davide Giuliani è sceso dal mezzo per portare la busta degli spiccioli per il fondo cassa della farmacia comunale e ritirare l'incasso, i due gli sono piombati addosso bloccandolo con lo scooter al furgone.

La guardia giurata, senza farsi prendere dal panico o da reazioni eccessive, è riuscita a liberarsi dal blocco senza farsi portare via la busta con il denaro.

Il malvivente ha voluto tentare un ultimo affondo. E lo ha fatto scagliandosi con il trincetto contro l'appuntato. Giuliani è riuscito a schivare i veloci colpi della lama, ma non ha potuto evitare le ferite al viso e al braccio sinistro.

Giuliani ha risposto affidandosi alla sua stazza. «Ho cercato di allontanarli con un calcio – spiega –. Ma sono fuggiti a tutta velocità».

In piazza Giusti sono arrivate le pattuglie dell’istituto di vigilanza “Corpo Guardie di Città” e una volante della questura. La caccia ai banditi con lo scooter rosso è partita con posti di blocco dei carabinieri e controlli dall’alto con l’elicottero dell’Arma.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

La guida allo shopping del Gruppo Gedi