Città e piazza Bovio protagoniste del libro di Andrea Fanetti

Andrea Fanetti debutta come autore con “La piazza in mezzo al mare” per edizioni Il Foglio di Gordiano Lupi

PIOMBINO. Andrea Fanetti (nella foto) debutta come autore con “La piazza in mezzo al mare” (sopra la copertina) per edizioni Il Foglio di Gordiano Lupi. L’appuntamento per la prima presentazione del volume sarà giovedì 23 ore 17, 30 alla libreria Coop di Piombino. Fanetti, nato nel Comune di Castelnuovo di Val di Cecina nel 1956, si è diplomato come perito meccanico all’Iti Pacinotti di Piombino, ed impiegato alla Magona. Sposato con due figli, vive con la famiglia a Piombino.

Si è impegnato nella politica e nello sport ed ora fa parte anche di Covergreen, associazione che valorizza e promuove le copertine dei vinili anni Sessanta-Settanta, cultura e musica “prog”. Questa è dunque la sua prima esperienza letteraria, è un viaggio che si svolge parallelamente nell’arco di un anno, tra una persona che ritrova se stessa rompendo con vecchi schemi e una società in declino. Il racconto si snoda in una prima parte essenzialmente individuale, dove il protagonista si interfaccia con alcune persone e riscopre vecchie passioni. Nella seconda invece, si va verso un coinvolgimento corale di personaggi che spesso si incrociano tra di loro senza sapere le reciproche conoscenze, in un intrigo di avvenimenti spesso negativi. La storia è ambientata in una città quasi post-industriale che non ha ancora un futuro ben definito, dove a vecchie certezze stanno subentrando nuove incertezze con i problemi e le difficoltà di una società in mutamento. Piombino e le zone limitrofe, fanno dunque da sfondo al racconto e l’asse che congiungeva il Poggetto a piazza Bovio, (asse costituito dalla direttrice della via “Provinciale”, corso Italia e corso Engels, ora corso Vittorio Emanuele II, visti su vecchie foto e cartoline nei libri di Valerio Guerrieri), metaforicamente vuole essere la strada che da sempre indica ai piombinesi la direzione per andare oltre il legame con la fabbrica. La “piazza in mezzo al mare” (il libro costa 12 euro) dove frequentemente si trova il protagonista, è quindi la stessa piazza Bovio, luogo simbolico di tutto questo, protesa verso il canale come fosse la prua di una nave che si lascia dietro il passato e sa guardare oltre, come ha saputo fare il protagonista del racconto.