Il Piombino va avanti con le conferme in vista dell’Eccellenza

Restano anche Morelli e Sannino, preso il 2002 Caricchio Manca ancora l’ufficialità per l’allenatore Manuel Madau

piombino

Il Piombino continua a costruire la squadra che (salvo clamorosi contrordini della Federazione) il prossimo anno tornerà a disputare il campionato di Eccellenza come miglior seconda ripescata della Promozione.


Il direttore sportivo Andrea Gherardini sta mettendo in fila una conferma dopo l’altra: Francesco Luci, Daniele Sannino, Gianluca Morelli, Iacopo Rocchiccioli, Tommaso Rocchiccioli, Kevyn Catalano, Tommaso Braschi, Emanuele De Gennaro, Silvio Mormina, Andrea Maio.

Alla voce acquisti, sul proprio sito la società nerazzurra ha annunciato l’ingaggio di un promettente 2002, il livornese Giorgio Caricchio, classe 2002, proveniente dal settore giovanile dell’Empoli ed ex nazionale Under 15. Un giocatore che può coprire tutti i ruoli della fascia sinistra.

Niente da fare invece per il ritorno di Alessio Fatticcioni, contattato dalla società nerazzurra ma che ha deciso di restare ancora un anno al Cascina, sempre in Eccellenza.

Restano da definire le posizioni di altri giocatori. A cominciare dai piombinesi Luca Gherardini, Giovanni Barozzi, Biagio Favilli, Simone Cecchini, Lorenzo Fontana e di molti juniores tra cui Lorenzo Ceccarelli.

Così come quella dell’elbano Tommaso Del Nero e dei livornesi Lorenzo Di Batte, Simone Zoncu, Tommaso Catarzi. Da definire la posizione del giovane attaccante Filippo Rossi, in base al recupero dal grave infortunio.

Ricordiamo che per quanto riguarda le quote da utilizzare nel campionato di Eccellenza e Promozione non ci sarà nessun blocco, spazio quindi ai 2002 come da deliberato dalla Lnd. In campo quindi dovranno esserci almeno tre quote: un 2000, un 2001 e un 2002.

Ci sono poi altre questioni da risolvere. A cominciare dal nodo allenatore: viene data per scontata ma manca ancora la conferma ufficiale di mister Manuel Madau. E quella del preparatore atletico Livio Mattanini. Da assegnare anche un ruolo vacante, quello del preparatore dei portieri, dopo l’addio di Marcello Cardinali. —