Anche Anselmi chiede incentivi per i medici

Portoferraio. Il consigliere regionale del Pd Gianni Anselmi ha presentato una mozione alla giunta regionale perché vengano attivati modelli organizzativi e contrattuali in grado di incentivare i medici che scelgono di lavorare negli ospedali considerati meno “attrattivi”. «La mancanza di personale rappresenta uno degli elementi di criticità del sistema sanitario nazionale: un fenomeno particolarmente forte nelle strutture sanitarie periferiche – spiega –. Si tratta di presidi con crescenti difficoltà nel reperimento del personale sanitario, soprattutto medico, collocati in aree distanti dai grandi centri e nelle aree interne, montane o insulari; ne è un esempio la recente richiesta di potenziamento dell’attuale copertura oraria della continuità assistenziale, ex guardia medica, all’isola d’Elba».

«Rispetto all’aumento degli indici di invecchiamento della popolazione, alla crescita – continua il consigliere – della cronicità e della fragilità e anche al di là della gestione straordinaria della pandemia, con una mozione chiediamo alla giunta regionale di portare a compimento, quanto prima e in coerenza con atti già assunti nel marzo 2021, un progetto regionale per l’attuazione di modelli organizzativi e contrattuali incentivanti e adeguati per risolvere la problematica del reperimento di personale per gli ospedali considerati meno “attrattivi”; per rafforzare la sanità territoriale e generare risposte efficaci per le esigenze di salute dei cittadini residenti in tutte le aree della Toscana».


Sul tema nell’isola si è aperto il dibattito in particolare dopo la proposta del sindaco di Campo nell’Elba, Davide Montauti, che ha proposto alla Gat di usare i fondi della tassa di sbarco per incentivare i medici che scelgono di lavorare all’Elba per almeno tre anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA