Contenuto riservato agli abbonati

Consorzio di bonifica, ecco gli avvisi di pagamento

La scadenza è fissata per il 15 dicembre e riguarda le opere eseguite nel 2021 Vallesi: «Importi invariati rispetto allo scorso anno, uno sforzo importante»

PORTOFERRAIO. In arrivo per gli utenti del Consorzio di bonifica 5 Toscana Costa gli avvisi di pagamento per l’anno 2021.

Il contributo è utilizzato per le attività di manutenzione ordinaria e di vigilanza che l’ente svolge sul reticolo idrografico in gestione, per assicurare lo scolo delle acque, la salubrità e la difesa idraulica del territorio e la regimazione dei corsi d’acqua naturali.


Con il contributo viene finanziata l’attività quotidiana che il Consorzio svolge con personale e mezzi propri su 2. 700 chilometri quadrati di territorio, diviso in 41 comuni e 4 province, su cui si sviluppano 3. 300 chilometri di corsi d’acqua compresi quelli di competenza regionale (fiume Cornia, fiume Pecora e affluenti).

A oggi i lavori programmati nel 2021 (in corso di esecuzione), rispetto al 2020, hanno registrato un incremento di circa il 10%.

Sono stati emessi 200.931 avvisi di pagamento che interessano 851.046 immobili tra fabbricati e terreni censiti all’interno del perimetro di contribuenza, per un gettito complessivo di 7.534.821 euro.

L’accentuato processo di urbanizzazione, l’abbandono delle aree montane e i mutamenti del clima incrementano la fragilità idrogeologica e moltiplicano dissesti come frane e allagamenti e rendono evidente quanto le attività di manutenzione dei corsi d’acqua svolte dall’Ente di bonifica assumono sempre più importanza strategica per la crescita economica di un territorio e per la sicurezza delle persone e delle cose.

«Voglio evidenziare che il tributo 2021- dichiara il presidente Giancarlo Vallesi – è di fatto invariato rispetto al 2020. È il segno di uno sforzo importante che le strutture del Consorzio hanno fatto per garantire il presidio e la sicurezza del territorio, senza per questo incidere sui contribuenti».

Il Consorzio gestisce anche sette impianti idrovori dislocati nei comuni di Livorno, Rosignano Marittimo e Piombino, 22 casse di espansione e ha il compito di soddisfare il fabbisogno idrico di molte aziende agricole della Val di Cornia, attraverso cinque distretti irrigui in grado di mettere a disposizione 700.000 metri cubi di acqua per le coltivazioni in essere.

La cadenza per il pagamento del tributo è fissata al 15 dicembre prossimo ed è deducibile dalla dichiarazione dei redditi.

Dall’annualità 2021 il Consorzio 5 Toscana Costa ha aggiornato i propri sistemi per aderire al nuovo metodo di pagamento obbligatorio per le pubbliche amministrazioni e i soggetti che forniscono servizi ai cittadini.

Gli avvisi recapitati in questi giorni ai consorziati hanno allegato il nuovo bollettino pagoPa che può essere utilizzato sul territorio (Poste, banche ed esercenti convenzionati) oppure online tramite la piattaforma regionale OpenToscana, l’App IO dei servizi pubblici, tutte le App dei pagamenti abilitate o direttamente dal sito consortile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA