Contenuto riservato agli abbonati

Il vento regala ai campesi lo spettacolo unico dell’Amerigo Vespucci

L’Amerigo Vespucci fotografata da San Piero da Alex Beneforti

Il veliero ha sostato in rada per ragioni legate al meteo. Il sindaco Montauti: «Sorpresa fantastica, un onore per la comunità»

CAMPO NELL'ELBA. L’immagine perfetta è stata immortalata da San Piero da Alex Beneforti. La magnifica nave scuola della Marina Militare italiana Amerigo Vespucci nel mare del golfo di Marina di Campo, illuminata di tricolore.

Uno spettacolo inaspettato di cui hanno fruito i residenti e turisti di Campo. Il sindaco Davide Montauti ha contattato il comandante dello storico veliero dicendo: “Gentile comandante, voglio ringraziarla di aver onorato la mia comunità e il nostro mare, della vostra presenza. Colgo l'occasione per far arrivare a lei e al suo equipaggio il saluto di tutti i miei cittadini».


E il capitano di vascello Gianfranco Bacchi ha prontamente risposto: «Sindaco, la ringrazio per le sue parole e della sua accoglienza. È una sosta un po' casuale; in verità dovevamo essere a Porto Vecchio ma il vento ci ha portato qui. Un caro saluto». Ha compiuto 90 anni l'Amerigo Vespucci, da sempre il simbolo dell'Italia nel mondo e il suo porto di assegnazione è La Spezia. Il veliero entrò in servizio il 6 giugno del 1931 negli stabilimenti nautici di Castellamare di Stabia durante il Regno d'Italia e da subito svolse le funzioni di nave scuola. A partire dal 1955 la nave è stata affiancata nelle funzioni di nave scuola dall'altro veliero la Palinuro. La nave porta il nome del fiorentino Amerigo, di nobile famiglia che aveva le proprietà in Borgo Ognissanti, fu esperto navigatore, esploratore e cartografo e capì, con i suoi viaggi, che le terre scoperte dal Colombo nell'Oceano Atlantico non appartenevano all'Asia, come fu creduto inizialmente, ma si trattava di un continente ignoto che lui chiamò nuovo mondo. La Vespucci naviga per addestrare il personale militare e, al tempo stesso, per portare in giro per il mondo i valori e la storia della Marina e del nostro Paese. Ma non solo, nel 2019 eseguì il trasferimento invernale da La Spezia a Livorno dei bambini degli ospedali pediatrici. Nel 1962 fu storico l'incontro nel Mediterraneo con la portaerei americana USS Independence. Ad un tratto, apparve sul radar della portaerei una sagoma che fu seguita dalla domanda di rito: «Chi siete?». Alla risposta immediata: «Nave scuola Amerigo Vespucci, Marina Militare Italiana», la portaerei spense i motori, interruppe la navigazione e suonò tre volte la sirena per salutare al grido di «Siete la più bella nave del mondo».