Contenuto riservato agli abbonati

Elba, le associazioni di categoria: «Non roviniamo una stagione record, rispettiamo tutti regole e distanze»

Turisti sbarcano da un traghetto al porto di Portoferraio

Confcommercio, Confesercenti, Albergatori e Cna concordi: «Non possiamo mandare all’aria il lavoro fatto in inverno»

PORTOFERRAIO. Confcommercio, Confesercenti, Associazione albergatori elbani e Cna sostengono l’appello alla prudenza e al rispetto delle norme anti contagio Covid-19 lanciato da Fabio Chetoni e Luigi Genghi, esponenti del settore sanitario isolano, e condiviso da Angelo Zini sindaco di Portoferraio, rappresentante degli altri sei suoi colleghi in materia sanitaria.

I rappresentanti delle categorie sono preoccupate, ma tutti desiderano non compromettere una stagione che va a gonfie vele e sono convinti che, per farlo, occorra puntare sulla sicurezza ed essere prudenti davanti alla possibile quarta ondata di diffusione del coronavirus. Come? Osservando le regole di distanziamento interpersonale, usando le mascherine, sfruttando le opportunità dei green pass e proseguendo con le vaccinale.


«Occorre prudenza e rispetto delle regole per non compromettere la stagione e quanto fatto finora in modo esemplare dalle nostre autorità sanitarie – afferma Marcello Bargellini, rappresentante della Confesercenti elbana –. Essere ancora più attenti permetterà di lavorare di più e meglio. Abbiamo un’isola da tutto esaurito. Anche le prenotazioni per settembre vanno molto bene. La cosa che possiamo e dobbiamo fare è rispettare le regole e non creare allarmismi per far capire ai nostri clienti di essere in un luogo sicuro».

Esprime concetti simili Franca Rosso esponente della Confcommercio dell’isola: «Condivido l’invito alla prudenza rivolto dall’Asl e dal sindaco Zini. Ci siamo sentiti anche con il vicesindaco di Porto Azzurro, Aldino Tovoli, e anche lui ha rimarcato la necessità di invitare tutti gli operatori turistici al rispetto delle misure di prevenzione. Non solo: ho diramato una circolare che viene inviata in questi giorni ai nostri associati, in cui ho detto che siamo arrivati quasi al clou della stagione turistica, la situazione pandemica elbana si è mantenuta relativamente tranquilla e sotto controllo ma, visto quanto sta accadendo in diverse realtà turistiche nazionali ed estere, bisogna stare attenti. Non va abbassata la guardia e quindi ci vuole il massimo rispetto delle misure di prevenzione. Noi associazioni di categoria abbiamo contribuito a ciò, anche con il Protocollo Elba Sicura, redatto sotto la consulenza dell’infettivologo Matteo Bassetti e di concerto con la nostra Asl. Quindi il servizio dei nostri operatori turistici comprenderà la cura del rispetto delle note norme, laddove previsto, col mantenere il distanziamento interpersonale, evitare assembramenti, e importante sarà la disinfezione frequente delle mani e sanificazione degli ambienti e suppellettili. Confido sul fatto che i nostri operatori e il personale dipendente siano stati vaccinati. Il pericolo è sempre in agguato, la pandemia non è finita. Massimo sforzo quindi per arrivare a settembre senza registrare troppi contagi, evitando che la quarta ondata pandemica arrivi anche all’Elba».

«Attenzione e prudenza sono sempre necessari, ma niente atteggiamenti che possono causare o incutere nei turisti motivi per abbandonare l’Elba e tanto meno riflettersi in maniera negativa sulle prenotazioni, che riguardano l’intera stagione – è la posizione di Alessandro Gentini, vice presidente dell’Associazione albergatori elbani ci ha detto –. Non possiamo permetterci di mandare in aria il lavoro fatto per costruire la stagione turistica 2021. L’Elba al momento ha numeri migliori della gran parte della Toscana e anche il numero dei residenti vaccinati, rispetto al territorio Toscano, è molto migliore».

«Il forte afflusso di turisti aumenta il rischio di contagi, per questo Cna raccomanda a tutti di seguire le indicazioni delle autorità sanitarie e il rispetto delle normative e dei protocolli anti Covid – conclude Claudio Pinna, coordinatore Cna dell’Elba –. È indispensabile adottare tutti i comportamenti necessari per scongiurare nuovi contagi e nuove chiusure di settori». –

© RIPRODUZIONE RISERVATA