Marciana Marina in lacrime, è morto l'ex sindaco Giovanni Martini

Per dieci anni ha guidato il Comune, era assessore all'urbanistica nella giunta Allori: da tempo non stava bene

MARCIANA MARINA. Lutto in paese per la morte di Giovanni Martini. Sindaco dal 1997 al 2007, assessore all'urbanistica nel Comune di Marciana Marina, Martini era una persona molto amata nel suo paese.  E' morto nella sua casa marinese. La notizia si è rapidamente diffusa sull'isola. "Questa mattina la notizia che Giovanni Martini ci ha riempito tutti noi di un profondo dolore, come quando in una famiglia viene meno una figura fondamentale lasciando un enorme vuoto - spiegano dall'amministrazione comunale marinese - questa è la sensazione che ognuno di noi ha provato. Giovanni, dopo essere stato sindaco per due mandati consecutivi, dal 1997 al 2007, si era rimesso in gioco con grande entusiasmo entrando a far parte della Giunta e diventando un punto di riferimento importante per questa amministrazione. Purtroppo questi quattro anni di mandato sono stati particolarmente difficili per tutta una serie di vicissitudini che lui in particolare, essendo una persona molto sensibile, ha vissuto in modo talvolta poco sereno".

"Ogni mattina puntuale arrivava in Comune - dicono dall'ente - e nonostante le problematiche che quotidianamente dovevamo affrontare, riusciva spesso con le sue batture ad alleggerire il clima a volte un po’ pesante. Nonostante la sua forzata assenza degli ultimi mesi, quando ci sentivamo telefonicamente, ci dimostrava il suo dispiacere di non poter essere presente e di non poterci dare il suo apporto costruttivo, ma nessuno di noi si sarebbe aspettato che ci lasciasse così rapidamente. E’ stato una gran bella persona, stimato e ben voluto da tutto il paese e la conferma di tutta questa stima l’ha avuta con il gran numero di consensi ricevuti nelle elezioni del 2017. Lo ringraziamo per tutto quello che è riuscito a trasmetterci in questi anni, in termini di correttezza e lealtà, soprattutto dimostrando un senso civico ed un attaccamento al paese, che hanno prevalso rispetto ai suoi problemi di salute. Certi di interpretare il sentimento di tutta la nostra collettività stringiamo la famiglia in un abbraccio ideale, condividendo il dolore per questa grande perdita".