È morto l'ex sindaco di Piombino Enzo Polidori

Politico di razza, ex operaio e deputato piombinese per il Pci: da giorni non stava bene ed era stato ricoverato in ospedale

PIOMBINO. Lutto in città per la morte dell'ex sindaco Enzo Polidori, politico di razza del Partito Comunista italiano che ha rappresentato alla Camera dei deputati. Polidori non stava bene da alcuni giorni. Era ricoverato in ospedale a Piombino, dove è morto il pomeriggio di sabato 3 luglio. Aveva 84 anni. Appassionato di politica, ex operaio delle acciaierie, Polidori divenne da giovane  segretario del partito comunista del comune di Piombino. Assunse la guida del partito quando Rolando Tamburini fu eletto sindaco di Piombino. Ha ricoperto la carica di primo cittadino dal 1976 al 1983. In quell'anno fu eletto alla Camera dei deputati, dove rimase in carica fino al 1987. Negli ultimi anni aveva aderito al Partito Democratico. La scomparsa di Polidori lascia un grande vuoto a Piombino. Era difficile non volere bene all'ex sindaco. Uno che mangiava pane e politica, che veniva chiamato in causa sempre, all'interno del partito, quando c'era da trovare un punto di equilbrio. Sapeva calibrare la coerenza con l'apertura al dialogo, dote molto rara. Lascia la moglie Carla, la figlia Marilena, i familiari e tante persone che in questi anni gli hanno voluto bene.