Una clessidra per ogni libro: la nuova formula di Mardilibri

Portoferraio, la rassegna letteraria riparte venerdì con una novità: presentazioni a tempo per rendere l’iniziativa più dinamica e lasciare spazio alle domande dei lettori

PORTOFERRAIO. Una presentazione di libri a tempo, per catturare l’attenzione dello spettatore, non farlo annoiare e soprattutto incuriosirlo alla lettura. È la nuova rassegna di MardiLibri, “Parole in clessidra” con appuntamenti a Portoferraio, che prendono il via venerdì prossimo (25 giugno).

«Oltre alle presentazioni di libri per conoscere gli autori e dare uno spazio meritato a chi per passione o per lavoro, scrive – racconta la titolare di MardiLibri, Silvia Boano – gli appuntamenti che proponiamo prevedono mostre d’arte e poi concerti e laboratori per bambini, saremo impegnati con Elba Book festival e andremo in trasferta in altri comuni che hanno chiesto di collaborare».


Con “Parole in clessidra” l’approccio vuole essere più accattivante. «Cerchiamo di proporre qualcosa di nuovo – spiega – perché le presentazioni dei libri spesso risultano faticose, perché il relatore o l’autore si appropriano di una parola seguendo un loro pensiero e non comunicando con il pubblico che hanno davanti. Dobbiamo stuzzicare la curiosità per far conoscere il libro». Quindi ha deciso di mettere un tempo per concentrare domande e risposte veloci. Si inizia alle 19 in cui Silvia presenta l’autore, poi si gira la clessidra e prende il via l’evento vero e proprio. Finita la sabbia nella clessidra ci si ferma e partono le domande dal pubblico. Alla fine aperitivo. «Non più di un’ora e un quarto», calcola.

Il primo appuntamento è venerdì 25 giugno con il libro “Di lotta, d’amore e altre storia” di Vincenzo Lerario edito da Persephone, a introdurre l’autore sarà la professoressa Licia Baldi. «L’autore è un detenuto – spiega Silvia – quindi questo è anche un progetto sociale». Si tratta di un libro di poesie edito da una casa editrice elbana. Segue uno degli eventi di punta, sabato 26 giugno, con Paolo Pejrone architetto e saggista specializzato in giardinaggio che presenta il suo “I dubbi del giardiniere. Storie di slow gardening”. «Pejrone torna nostro ospite dopo cinque anni – descrive Silvia – a presentarlo sarà Florencia Bauzer, paesaggista e agronoma spagnola. È un libro che parte sollevando grossi dubbi e soprattutto è legato al discorso del riscaldamento globale, che alla fine interessa anche i nostri giardini». Il 2 luglio arriva il giallo “Canalnero” di Marco Belli, direttore artistico di Elba Book Festival, mentre il 5 luglio l’appuntamento è con gli Scapestatri e il loro “Gregari in fuga viaggio in bicicletta nel 900 della musica italiana”, un viaggio in cui verranno presentati luoghi e libri. Il 9 luglio presentazione del libro di Elena Maestrini “Isole di Lu”. “È già un anno che è uscito – spiega Silvia – ma non ha mai avuto la possibilità di essere presentato». Giovedì 15 luglio “Stati d’animo ricordi e leggende” di Silvia Solisca e il 19 luglio “Storia di Luis Sepulveda” di Ilide Carmignani. Il 23 luglio Gianfranco Vanagolli presenta “I dannati del Priamar” e sabato 24 luglio è la volta di “Nella stagione delle farfalle gialle” un’esperienza di vita di Vanni Puccioni. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA